Home » vetrina3 » Zuccarini alla guida del Conservatorio “Giuseppe Verdi”
Dal 2008 insegna musica da camera

Zuccarini alla guida del Conservatorio “Giuseppe Verdi”

di ilTorinese pubblicato lunedì 2 novembre 2015

conservatorioL’incarico avrà una durata triennale. Diplomato al Conservatorio Statale di Musica “G. Verdi” di Milano in pianoforte e clarinetto, ha proseguito gli studi di perfezionamento presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in musica da camera

 

Diplomato al Conservatorio Statale di Musica “G. Verdi” di Milano in pianoforte e clarinetto, ha proseguito gli studi di perfezionamento presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in musica da camera con il Maestro Riccardo Brengola. Nel 1982 gli sono stati conferiti due Diplomi d’Onore e il Premio Peterlongo all’Accademia Chigiana di Siena. Ha svolto un’intensa carriera di camerista che lo ha portato ad esibirsi in molte città d’Europa e importanti Festival collaborando con artisti di fama.

 

Dal 1989 si è interamente dedicato alla direzione d’orchestra lavorando con molte rinomate orchestre italiane accanto a prestigiosi solisti quali: Josè Carreras, Salvatore Accardo, Astor Piazzolla, Duo Gulli-Cavallo, Joaquin Achucarro, Michele Campanella, Boris Petrushansky, Pierre Amoyal, Giuliano Carmignola, Nina Beilina, Franco Maggio Ormezowsky, Cecilia Gasdia, Alexander Lonquich, Claudio Desderi, Benedetto Lupo, Pietro de Maria, François-Joel Thiollier, Boris Belkin. Nel 1990 ha fondato l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza con la quale ha realizzato la prima ripresa in tempi moderni de le Nozze di B. Galuppi, e ha registrato con Maria Tipo il I e IV Concerto di L. van Beethoven per pianoforte per la RAI.

 

Nel gennaio 1996 ha registrato a Napoli un concerto in memoria di Padre Pio trasmesso su RAIUNO con Milva, eseguendo in prima italiana Alleluia di Sergio Rendine e a Milano la prima nazionale del balletto Der Demon di P. Hindemith con i primi ballerini solisti del Teatro alla Scala di Milano. Incide per le seguenti etichette discografiche: Bongiovanni (Bologna), Dynamic, Music and Arts, Tactus. Dal 1992 al 2000 è stato Direttore Principale Residente presso l’Orchestra Sinfonica Abruzzese ed è docente di musica da camera al Conservatorio Statale di Musica “A. Casella” de l’Aquila. Nel gennaio 1998 è stato invitato in Australia per dirigere l’Orchestra Giovanile Australiana per il 50° anniversario dell’Australian National Music Camp (concerti registrati dal A.B.C.) e la West Australian Simphony Orchestra a Perth. Grazie al successo di questa tournée è stato immediatamente invitato per il 1998 all’Università di Melbourne.  Nel 2001 ha realizzato un’ulteriore tournèe, ancora con la Melbourne Symphony Orchestra per il Myer Music Bowl, con concerti in Tasmania, e Canberra. Attivo anche in America Latina, ha debuttato nel 2000 alla Filarmonica di Bogotà.

 

Nel maggio 2002 ha debuttato in Nuova Zelanda con la Auckland Philarmonia ed è stato subito reinvitato per due programmi nel settembre 2003. Nell’Agosto 2002 ha diretto un concerto al 50° Festival di Lubljana con Maxence Larrieu e l’Accademia I Filarmonici di Verona, trasmesso dalla Radio Nazionale Slovena. Nel gennaio 2003 ha diretto a Cagliari la Prima assoluta di Notti Sylvane di Sylvano Bussotti e nell’ottobre dello stesso hanno ha diretto all’Opera House di Sydney, sei recite dell’opera Madama Butterfly di G. Puccini. Nella stagione sinfonica 2003/04 ha diretto cinque programmi con la Auckland Philarmonia, nell’aprile 2004 ha diretto due concerti sinfonici per il Teatro Bellini di Catania e tre rappresentazioni de La Serva Padrona di Paisiello all’inaugurazione del Teatro Sangiorgi di Catania sempre con l’orchestra del Teatro Bellini. È ritornato a Catania per due concerti nella stagione sinfonica nell’aprile 2005. Nel luglio 2004 ha diretto tre concerti con l’orchestra dell’Accademia della Scala e nel febbraio 2005 ha debuttato a Bucarest con la Filarmonica Enescu. Nel 2007 ha debuttato con la Sinfonica Siciliana a Palermo. Dal 2008 insegna musica da camera al Conservatorio Statale di Musica “G. Verdi” di Torino. Nell’ottobre 2009 ha diretto a Lecce, Carlo Grante solista, la prima assoluta di Concerto Italiano di Roman Vlad.