Home » CULTURA E SPETTACOLI » Women in Bali, la sacralità è donna
L'ultimo progetto fotografico di Bruna Rotunno

Women in Bali, la sacralità è donna

di ilTorinese pubblicato martedì 29 agosto 2017

Aprire il cuore e la mente nell’approcciarsi ad una cultura diversa dalla propria, con la giusta curiosità e senza pregiudizi, è la chiave per comprenderne il suo senso profondo. Come farlo dipende solo da noi

“Women in Bali” è l’ultimo progetto fotografico di Bruna Rotunno visibile presso il MAO (Museo d’Arte Orientale) di Torino fino al 10 settembre 2017. La fotografa italiana, dopo aver conosciuto l’isola di Bali circa 20 anni fa, ha tradotto in immagini la sua visione personale delle donne e della cultura balinesi. Come si apprende visitando la mostra, il lavoro della Rotunno è durato 8 anni ed ha portato agli scatti vividi e fortemente suggestivi esposti al MAO.Introdotta da un video sulla società balinese, l’esposizione torinese consta di 55 fotografie suddivise nei diversi spazi del piano terra del museo in modo da creare un percorso che guida lo spettatore all’interno dell’isola indonesiana, nella sua quotidianità fatta di credenze e tradizioni.La spiritualità dell’isola e il rispetto per la natura sono evidenti sin dalle prime fotografie; i chicchi di riso portati sulla fronte e sul petto di alcune donne, simbolo della dea del riso Dewi Sri, hanno un alto valore religioso perchè servono per ringraziare gli dei ma anche per fare delle richieste agli spiriti.

***

Anche le offerte balinesi che consistono in frutta, fiori, riso e foglie di palma intrecciate e che vengono raccolte durante le cerimonie rappresentano un vero e proprio atto religioso.Uno degli elementi centrali della società balinese è sicuramente la donna, alla quale la fotografa dedica moltissimi scatti: ritratti di donne in diverse fasi della vita, truccate con colori brillanti e vestite con gli abiti tradizionali impreziositi da gioielli stupendi ma anche riprese durante il lavoro e   le abitudini quotidiane.L’ importanza dell’universo femminile è raccontata dalla mostra non soltanto attraverso le immagini ma anche attraverso la presenza di alcune statuette di legno raffiguranti donne che celebrano con le loro forme la fertilità. In molte di queste statuette si può notare l’influenza dell’Art Déco, infatti negli anni 30′ si verificò una vera rivoluzione nella cultura balinese che si aprì alle influenze artistiche dell’Occidente.Diversamente dalla società occidentale dove il valore dell’acqua è spesso trascurato e dove questa risorsa continua ad essere sprecata, a Bali l’acqua è al centro di tutto ed è quindi parte importante del lavoro della Rotunno: è la sacra origine della vita, è considerata importante nell’arginare le forze maligne del Niskala (il male) a vantaggio del Sekala (il bene), simboleggia la forza dell’energia femminile.

***

Questa forza è la stessa che si ritrova nella natura con la sua potenza creatrice. «Bali è un’isola viva. Un luogo che ha sempre suscitato in me emozioni contrastanti, stimolate dalla sua luce fluida e mutevole, da una ritualità fatta di gesti che rendono visibile l’invisibile e soprattutto da una bellezza diffusa che riflette un’armonia in continuo divenire».Sono queste le parole usate da Bruna Rotunno per descrivere quello che Bali le ha trasmesso in seguito al suo stimolante viaggio. L’isola di Bali è infatti una società che vive anche di profondi contrasti: la donna pur avendo un ruolo fondamentale a livello sociale è purtroppo ancora soggetta alle restrizioni castali. Un ultimo aspetto che emerge dal progetto è il ruolo della danza; le danze tradizionali balinesi infatti servono spesso come mezzo per raccontare storie, leggende e miti. Anche per questo motivo Bali è stata definita ‘isola teatro’. La mostra è la prova che attraverso la ricerca fotografica è possibile far rivivere le atmosfere di luoghi lontani, portando l’uomo occidentale a confrontarsi con usanze e tradizioni spesso difficilmente decifrabili. Aprire il cuore e la mente nell’approcciarsi ad una cultura diversa dalla propria, con la giusta curiosità e senza pregiudizi, è la chiave per comprenderne il suo senso profondo. Come farlo dipende solo da noi.

Cristina De Ceglie