Home » TRIBUNA » Se volere una Torino dignitosa significa essere conformisti e benpensanti
LE DUE CITTA'

Se volere una Torino dignitosa significa essere conformisti e benpensanti

di ilTorinese pubblicato mercoledì 25 novembre 2015

tosettoSTORIE DI CITTA’ / di Patrizio Tosetto

 

 Vicino alla sfavillante città il degrado delle droghe, nel pieno centro della tristezza. Non posso fare nulla se non descrivere luci ed ombre di Torino. Caro amico, hai ragione: sono un benpensante e non voglio legittimare con il silenzio questa ignominia. Non sono conformista perché non voglio conformarmi a questa realtà

 

Po alberi imbruniremole vittorioAll’imbrunire,  in centro a Torino. Sono alla “caccia” di un libro editato nel ’99. Entro ed esco dalle librerie, la strada è piena di passanti. Molta allegria e l’imbrunire rende tutto maggiormente magico. Per approssimazione ed errore mi ritrovo in Piazza madama Cristina. 

Penso ad un incontro con un vecchio amico. Ci si conosce da oltre 50 anni, dalle elementari. carignano imbrunire

 

Quando ci si rivede sono molte e reciproche le battute  Ha la compiacenza di leggere i miei articoli ed il giornale. Alla fine sbotta ed amabilmente e mi dice: ma sai Patrizio sei diventato benpensante e conformista, si capisce dai tuoi scritti. Lì per lì non rispondo. Ora posso dirgli : benpensante assolutamente sì, conformista assolutamente no! Al mercato compro qualcosa. Corso massimo d’Azeglio angolo corso Vittorio. Attraversiamo la strada. Un coppia di fidanzati. Una ragazza con cane, un giovane imbacuccato Mi accorgo che nel viale interno ci sono capannelli di ragazzi di colore. Cerco di capire. Mi abbordano e li scopro essere spacciatori, più di una decina. 

 

clochard imbrunireAccidenti, se sono lì al freddo vuol dire che hanno mercato. Vicino alla sfavillante Torino il degrado delle droghe, nel pieno centro della tristezza. Non posso fare nulla se non descrivere luci ed ombre di questa città. Caro amico, hai ragione: sono un benpensante e non voglio legittimare con il silenzio questa ignominia. Non sono conformista perché non voglio conformarmi a questa realtà. Di ritorno in piazza Vittorio, tanta gente sorridente. Questa la mia Torino. Mi trovo a mio agio, qui.

 

(Foto: il Torinese)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE