Home » ECONOMIA E SOCIALE » Vito Mancuso per Madian: “Serve Dio per vivere bene”
Martedì 23 giugno alle ore 11

Vito Mancuso per Madian: “Serve Dio per vivere bene”

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 giugno 2015

Alla Chiesa di San Giuseppe in Via Santa Teresa 22 a Torino si terrà la presentazione del Bilancio Sociale 2014 di Madian Orizzonti Onlus

 

madian2La presentazione si aprirà con una lectio magistralis del teologo Vito Mancuso dal titolo “Serve Dio per vivere bene”. Vito Mancuso, docente di Storia delle dottrine teologiche all’università degli studi di Padova, è autore di numerose opere tra le quali “L’anima e il suo destino”, “Io e Dio”, “Obbedienza e Libertà”, “La vita autentica” e “Questa vita” uscito nell’aprile del 2015. Dopo la lectio magistralis si passerà all’illustrazione del Bilancio Sociale 2014 della Onlus dei religiosi camilliani di Torino, bilancio che è stato realizzato seguendo sia i più accreditati principi internazionali in materia di responsabilità sociale sia le indicazioni previste nel Metodo Piemonte per il Bilancio Sociale redatto nel 2008 dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino, dal dipartimento di Management dell’Università di Torino, dalla Direzione Risorse Finanziarie della Regione Piemonte e dall’Ires Piemonte. L’Università e l’Ordine hanno collaborato anche per questa terza edizione alla redazione del Bilancio Sociale di Madian Orizzonti, mettendo a disposizione la metodologia e fornendone la validazione per garantire, quindi, quei requisiti di oggettività e correttezza necessari quando si redige un rendiconto. Il Bilancio Sociale illustra, nelle tre parti che lo compongono (identità, rendiconto e relazione sociale) la storia dei Camilliani torinesi nel secolo scorso, le attività svolte, i progetti realizzati, il rendiconto 2014 con il calcolo e la distribuzione del valore aggiunto. Al di là del lavoro svolto e dei numeri questo bilancio cerca di trasmettere la passione che contraddistingue Madian Orizzonti, l’attenzione alle persone, il primato dell’uomo sulle cose. Ecco perché, nel presentare il Bilancio Sociale 2014, Madian Orizzonti Onlus vuole non solo guardare all’anno passato ma anche a quello che verrà e in particolare al più importante evento che la Chiesa si sta apprestando a vivere: il Giubileo straordinario che Papa Francesco aprirà l’8 dicembre prossimo.

 

Indicativo del Giubileo è il numero 50 e per questo Madian ha pensato di realizzare, come segno di restituzione, di giustizia e di diritto, alcuni progetti che riguardano 50 persone, realtà, famiglie.

 

In Torino:

la Comunità Madian oggi accoglie 50 ammalati stranieri.

Tante famiglie residenti in città non hanno la possibilità economica di pagarsi la spesa mensile: la Comunità Madian paga la spesa a 50 famiglie

 

In Haiti:

Madian Orizzonti Onlus sta terminando la costruzione a Jérémie dell’ospedale per la cura delle lesioni cutanee, gestisce a Port au Prince il Foyer Saint Camille e il Foyer Bethléem dove sono accolti 31 bambini disabili, e constatato che a 4 anni dal terremoto moltissime vivono ancora sotto tende di fortuna e altrettante famiglie vivono all’aperto ha già costruito 2 villaggi con 10 case per 10 famiglie. Il progetto si propone di arrivare a 5 villaggi con 50 case per 50 famiglie.

 

In Armenia:

Madian Orizzonti Onlus gestisce dal 1992 l’ospedale Redemptoris Mater (costruito in seguito al devastante terremoto del 1988) e 21 ambulatori per la medicina di base. Il progetto è di adottare 50 famiglie aiutandole a scaldare le loro case durante il lungo e freddo inverno armeno, ad acquistare generi alimentari di prima necessità per far crescere i loro bambini.Sono solo alcune proposte per vivere in modo alternativo questo anno giubilare e per continuare le molteplici attività che Madian Orizzonti Onlus già svolge a favore dei poveri del mondo.

 

Per quanto riguarda “i numeri” del Bilancio il valore aggiunto raccolto e distribuito da Madian nel 2012 è stato di 1 milione e 773 mila euro (era 1 milione e 122 mila euro nel 2013) che sono stati erogati alle missioni di Haiti (67% del totale), della Georgia (22%), dell’Armenia (3%) e dell’Argentina (1%, delle Filippine(3%), del Kenya (1%), dell’India (1%), dell’Indonesia (2%).La remunerazione del personale della Onlus è pari al 6% del totale delle risorse raccolte e distribuite nel corso dell’anno (era il 9% nel 2013).Il costo dell’attività gestionale e istituzionale volta alla raccolta è del 10% rispetto a quanto raccolto e distribuito nel corso dell’anno (era il 26% nel 2013).

 

Madian Orizzonti, la Onlus dei padri Camilliani di Torino, è stata fondata nel 2005: opera in Georgia, in Armenia, in Argentina e ad Haiti, in India, Kenya e Indonesia costruendo e gestendo ospedali e scuole e seguendo progetti in ambito socio-sanitario. Nelle Filippine – nelle Isola di Samar e Leyte colpite nel novembre 2013 dal Tifone Yolanda – sta finanziando, grazie al contributo della Fondazione La Stampa Specchio dei Tempi, la costruzione di 75 barche da pesca che il tifone ha distrutto aiutando, così, l’economia locale a risollevarsi. La Onlus prende origine dalla comunità Madian composta da Padre Adolfo Porro, Padre Antonio Menegon e Padre Joaquin Paulo Cipriano.