Home » LIFESTYLE » La violenza sulle donne non deve essere trasparente
INSTALLAZIONE-DENUNCIA

La violenza sulle donne non deve essere trasparente

di ilTorinese pubblicato giovedì 14 agosto 2014

 Un monolite nero, una sorta di sarcofago che si illumina non appena lo si sfiora, mostrando al suo interno una donna senza veli

 

PUPILLADonne nude e vetrine. Amsterdam e Torino. Due città, stessa “attrazione” ma scopo completamente diverso. A trasformare per un breve periodo le strade e le piazze di Torino simili a quelle della città olandese, è stata l’opera dell’artista e designer torinese Raoul Gilioli “Pu-pi-lla (through the looking glass)”.

 

Un monolite nero, una sorta di sarcofago che si illumina non appena lo si sfiora, mostrando al suo interno una donna senza veli: è questa l’installazione-denuncia con la quale Gilioli ha voluto indurre una riflessione sul femminicidio e la violenza sulle donne.

 

Le pareti di cristallo possono rappresentare infatti le mura di casa, dove si consumano la maggior parte delle violenze, le relazioni di possesso oppure le costrizioni mentali che diverse culture e religioni impongono al mondo femminile; la modella, invece, raffigura la donna che nella sua “prigione di cristallo” subisce abusi e violenze. L’impatto visivo è forte, soprattutto perché la cabina è completamente scura fino al “tocco” dei passanti che avvicinandosi e sfiorandola fanno sì che essa si illumini mostrando appunto il corpo nudo della modella.

 

Dopo tre anni di esposizione nei luoghi istituzionali, Gilioli, grazie all’autorizzazione del Comune di Torino esce finalmente in strada e si mostra al grande pubblico con la volontà di suscitare nell’osservatore una profonda riflessione su un tema così importante e preoccupante come quello della violenza sulle donne. Il monolite farà il giro della città per tutto il mese di agosto partendo da piazza Vittorio, passando per via Po, piazza Carignano, per poi fermarsi a Porta Palazzo.

 

Su Facebook sono già state postate alcune foto direttamente dall’autore dell’opera che sempre sul Social Network dichiara: “Voglio ringraziare quanti si son fermati a guardare l’installazione interattiva Pupilla apparsa nel cuore della movida con il suo messaggio contro la violenza di genere”. Ed aggiunge: “C’era un clima di stupore, curiosità e rispetto. L’arte è di tutti e come tale deve stare in mezzo alle persone”.

 

Non sono mancate le polemiche da parte di chi l’ha definita un’iniziativa shock e di cattivo gusto paragonandola alle manifestazioni “provocatorie e volgari” delle tanto discusse Femen ma, a giudicare dall’affluenza di persone davanti alla prigione di cristallo, la maggior parte ne ha saputo invece cogliere l’insito ed importante messaggio sociale.

 

In un momento come questo in cui il problema della violenza sulle donne e del femminicidio sta prendendo purtroppo sempre più piede all’interno della società, iniziative come questa non possono che essere apprezzate.

 

Vedere una donna nuda all’interno di una cabina illuminata è sicuramente meno scioccante che vedere una donna picchiata o addirittura uccisa. Sicuramente l’opera di Gilioli è più forte e provocatoria rispetto alle varie iniziative che sono state fatte negli ultimi tempi per contrastare il problema della violenza di genere, ma se provocare e suscitare sgomento serve a far parlare e ad attirare l’attenzione su questa terribile piaga sociale e mondiale, allora ben vengano le cabine trasparenti, le modelle nude e le opere di Raoul Gilioli. D’altronde in quasi tutte le città ci siamo dovuti abituare purtroppo a ragazze senza veli, in strada, ma senza pareti di cristallo.

 

Simona Pili Stella