Home » prima pagina » Via libera ai fondi Ue per la Tav Torino-Lione, escluso il progetto del Terzo Valico
Intanto la protesta contro l'alta velocità continua a creare scontri e disagi. Un arsenale di bastoni e maschere antigas è stato sequestrato dalle forze dell'ordine su un furgone

Via libera ai fondi Ue per la Tav Torino-Lione, escluso il progetto del Terzo Valico

di ilTorinese pubblicato martedì 30 giugno 2015

TUNNEL2

All’Italia sono stati concessi  i fondi Ue della Connecting Europe Facility per la realizzazione di 15 progetti di opere pubbliche: tra questi anche Torino-Lione e valico del Brennero, per un totale di 1,2 miliardi

 

Tra intoppi e lungaggini burocratiche, finalmente all’Italia sono stati concessi  i fondi Ue della Connecting Europe Facility per la realizzazione di 15 progetti di opere pubbliche: tra questi anche Torino-Lione e valico del Brennero, per un totale di 1,2 miliardi di euro. La decisione è della Commissione Ue, che ha scremato 276 progetti su 700 pervenuti, a cui assegnerà  13,1 miliardi. Escluso a sorpresa il progetto del Terzo valico, per il collegamento tra Piemonte e Liguria. Il 10 luglio, tra una manciata di giorni, il via libera finale della Commissione, mentre entro l’autunno, come ha annunciato la commissaria ai trasporti Violeta Bulc, ci sarà un secondo bando per 7 miliardi. Intanto la protesta contro l’alta velocità continua a creare scontri e disagi. Un arsenale di fumogeni, bastoni, scudi e maschere antigas è stato sequestrato dalle forze dell’ordine su un furgone del centro sociale Askatasuna di Torino, durante la sfilata di protesta in valle di Susa che ieri ha causato incidenti fuori dal cantiere a Chiomonte. Quattro  gli attivisti denunciati. Il sequestro, informa l’Ansa,  comprende 15 artifizi pirotecnici, 20 fumogeni segnalatori, 10 fontane pirotecniche, scudi in plexiglas, 2 mazze da muratore, 15 maschere antigas con relativi filtri, indumenti e zaini di colore nero.