Home » LIFESTYLE » Il vescovo: “Non si pensi solo ad accumulare ma si investa in lavoro e imprese”
IL MONITO DI MONS. NOSIGLIA: "QUALCUNO DALLA CRISI DEVE AVER TRATTO VANTAGGIO SE E' VERO CHE I DEPOSITI BANCARI SONO IN CRESCITA"

Il vescovo: “Non si pensi solo ad accumulare ma si investa in lavoro e imprese”

di ilTorinese pubblicato venerdì 26 dicembre 2014

nosiglia e giovani

Un segnale lanciato non solo al mondo degli imprenditori ma anche alla politica. La crisi è difficile ma si intravede qualche segnale di ripresa, pure nei consumi

 

Di primo acchito il messaggio lanciato dall’arcivescovo di Torino in occasione dell’incontro con la stampa torinese potrebbe apparire di stampo pauperistico: chi ha (troppi) risparmi in banca non fa gli interessi della collettività. Dalla crisi, ha infatti detto mons. Cesare Nosiglia “c’è una parte di Torino che ha tratto anche qualche vantaggio, se è vero che in città in questi ultimi anni sono aumentati i depositi bancari”.

 

Poi il capo della Chiesa subalpina, si spiega meglio: “i soldi si fanno con i soldi e dunque con l’accumulo ed il possesso: un principio che mantiene la sua innata forza di convincimento a scapito di investimenti produttivi, ma anche più rischiosi, sul lavoro e le imprese”. Ecco dunque il vero monito: il denaro non è lo sterco del diavolo ma lo si investa in occupazione e in nuove attività produttive. Un segnale lanciato non solo al mondo degli imprenditori ma anche alla politica. La crisi è difficile ma si intravede qualche segnale di ripresa, pure nei consumi. Un sondaggio di Confesercenti stima che i torinesi quest’anno spenderanno un po’ di più per i regali natalizi.

 

E ci sono dati stupefacenti almeno per quanto riguarda il comparto agricolo, che segna in Piemonte un 4% in più di occupati. Si è in attesa di un segnale anche dall’Europa, che ad inizio 2015 dovrebbe dare risposte sui fondi per il Piemonte. C’è da augurarsi che Comune e regione sappiano far valere le regioni territoriali anche nei rapporti con il governo.