Home » prima pagina » Alla conquista di Torino, verso il ballottaggio: Piero e Chiara affilano i coltelli per l’ultima sfida
Nel dibattito politico già infuocato ha suscitato scalpore la dichiarazione di Matteo Salvini: "a Roma voterei per la Raggi e lo stesso discorso vale per Torino"

Alla conquista di Torino, verso il ballottaggio: Piero e Chiara affilano i coltelli per l’ultima sfida

di ilTorinese pubblicato sabato 4 giugno 2016

fassino2I due contendenti per la conquista della poltrona di sindaco di Torino hanno già dato il via all’offensiva per il ballottaggio. Il primo cittadino uscente parte all’attacco: “Per governare la città bisogna saperlo fare e noi abbiamo dimostrato di saperlo fare. Per ora registro che con la presentazione di assessori, si è coperto un vuoto di proposta e di programma”, dice  Piero Fassino Mentre Chiara Appendino, sta per annunciare altri due nuovi assessori della sua squadra. “Assessori che vengono annunciati per fare cosa?Evocare un cambiamento palingenetico come fa la Appendino è contrario alla realtà: il cambiamento è già iniziato da tempo”. Parola di Fassino, che aggiunge: “Ci attendiamo di conoscereAPPENDINO 2 il programma della Appendino  la quale afferma: “La nostra ricchezza sono le persone e il nostro metodo è il dialogo e l’ascolto”, presentando il nuovo “Incontriamoci Tour, Ballottaggio” che inizia mercoledì 8 alle ore 9.30 presso il mercato di piazza Madama Cristina. Le tappe saranno: 8 giugno Mercato Piazza Madama Cristina, 9  giugno, Mercato Via Onorato Vigliani, 10 giugno Mercato Via Porpora e Piazza Foroni, 13 giugno Porta Palazzo, 14 giugno Mercato della Crocetta, 15 giugno Mercato Corso Racconigi, 16 giugno Mercato Corso Cincinnato e piazza Montale, 17 giugno Corso Sebastopoli. “La nostra visione di comunità salvini librourbana vede nel mercato il luogo dell’incontro, nel quale le persone e le idee costituiscono la base sociale.” Nel dibattito politico già infuocato ha suscitato scalpore la dichiarazione di Matteo Salvini: “Ho tanti difetti ma non cambio idea ogni 15-20 giorni: a  Roma voterei per la Raggi e lo stesso discorso vale per Torino”.