Home » ECONOMIA E SOCIALE » Veleni e vecchi merletti alla Fondazione CRC
Le dimissioni di Antonio De Giacomi

Veleni e vecchi merletti alla Fondazione CRC

di ilTorinese pubblicato lunedì 22 ottobre 2018

Sembra un giallo dove il finale è incerto. Per dirla in altri termini, è come per le ciliegie , una tira l’altra. Per capire le esternazioni di Antonio De Giacomi in merito alle sue dimissioni dalla Fondazione CRC bisognerebbe partire da lontano. Stando ad un antico proverbio cinese: “siediti sulla sponda del fiume e vedrai passare il cadavere del tuo nemico”. Un proverbio lungimirante, ma alquanto terribile in tema di invidie, gelosie e vendette. Venendo al caso delle clamorose dimissioni, i primi screzi con l’attuale presidente della Fondazione Crc Giandomenico Genta risalgono a due anni ai tempi del duello in merito alla presidenza. Nel frattempo le dimissioni porteranno il Comune di Alba a dover nominare un nuovo rappresentante che assumerà le funzioni fino al 2020, anno del rinnovo.

I maligni sostengono che è già campagna elettorale e si cerca già un candidato alla successione del sindaco di Alba, Maurizio Marello. A distanza di nemmeno due anni dallo scontro con Giandomenico Genta per la carica alla presidenza della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Antonio Degiacomi lascia il Consiglio Generale dell’ente. La notizia è stata diffusa martedì 9 ottobre dallo stesso presidente del Centro studi sul Tartufo che (solo venerdì 5 ottobre aveva partecipato all’inaugurazione della 88esima Fiera Internazionale del Tartufo e aveva incontrato lo stesso Genta). Gli aveva anticipato in quell’occasione le dimissioni? Nemmeno per sogno!. Con una lettera aperta (al vetriolo) ai giornali, De Giacomi ha continuato a togliersi i “sassolini” dalle scarpe che aveva abituato a differire nel tempo. Prima lo aveva fatto con Giovanni Quaglia, presidente Fondazione Crt, considerato l’altro nemico e sempre con lettera aperta ai giornali. Riportiamo uno stralcio parziale delle esternazioni:  ”Dopo due anni di esperienza della Presidenza Genta, sento sempre meno efficace il ruolo e l’effettivo coinvolgimento del Consiglio Generale  e intendo tenermi lontano da uno stile di conduzione della Fondazione personalistico, insofferente alle critiche, poco sensibile a possibili conflitti di interesse o comunque a inopportuni cumuli e intrecci di cariche“. De Giacomi – che è stato vicepresidente sotto la presidenza di Ezio Falco e non lontano dai giochi di potere –  continua il suo j’accuse: ”Non mi illudo che la mia decisione contribuisca a stimolare un dibattito nella comunità provinciale sul ruolo della Fondazione, sui profili richiesti ai designati e più in generale sulla anomalia in provincia di Cuneo e in Piemonte costituita dalla occupazione di cariche da parte di un ristretto e ben identificato gruppo di personaggi che rafforzano il potere personale dando e ricevendo appoggi in modo trasversale“. Si capisce chiaramente che, oltre a Giandomenico Genta e Giovanni Quaglia, gli strali siano diretti anche ad altri. Nel frattempo, c’è pure un’interrogazione parlamentare della deputata monregalese Fabiana Dadone del Movimento 5 Stelle, sull’acquisto da parte della Fondazione CRC di 50 milioni di euro di azioni Atlantia (pari a circa il 3% del patrimonio della Fondazione medesima).Lo stesso Genta, nel mese di aprile del 2018, era stato nominato presidente del Collegio Sindacale di Autostrade per l’Italia S.p.A., società controllata dal Gruppo.  Strano, ma nella Provincia Granda, le guerre partono sempre dalle Fondazioni. In questo gioco al massacro, noi riteniamo che un pò più “garbo” nell’attaccare le imprese e quindi Atlantia ci vorrebbe, in quanto alla fine, tutto il sistema Italia ne patisce lo scotto. Dopo la citazione di un proverbio cinese, ci viene in mente un passo del Vangelo: “chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Sembra strano, ma tutti vedono le colpe negli altri, ma mai in se stessi: Emmanuelle Macron , Jean – Claude Juncker e tanti altri…

Tommaso Lo Russo

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE