Home » Dall Italia e dal Mondo » Valle d’Aosta, perla di storia, tradizioni ed eccellenze
Con questo volume le Guide di Repubblica completano il “giro” d'Italia

Valle d’Aosta, perla di storia, tradizioni ed eccellenze

di ilTorinese pubblicato martedì 16 aprile 2019

Sarà in edicola da martedì 16 aprile in abbinamento al quotidiano

Mancava solo la Valle d’Aosta per chiudere il cerchio. La nuova Guida ai Sapori e ai Piaceri di Repubblica a lei dedicata ne svela eccellenze e peculiarità. Il volume sarà in edicola da martedì 16 aprile in abbinamento con La Repubblica (10,90 + il prezzo del quotidiano), quindi nelle librerie e on line su Amazon, Ibs e sul nostro store digitale

“Era l’ultima perla che mancava alla nostra collana dedicata all’Italia migliore, all’Italia delle regioni e dei territori, così diversi uno dall’altro, così affascinanti, così unici”, dice il direttore delle guide Giuseppe Cerasa. “Unici come la Valle che non può essere catalogata e archiviata sotto la voce Piemonte e Valle d’Aosta, errore grave, non facilmente cancellabile, foriero di equivoci e di semplificazioni che non rendono merito alla storia e alla cultura di queste tante identità che compongono il puzzle Italia e ne fanno un unicum irripetibile… un territorio di confine che va raccontato col rispetto per la storia e le tradizioni locali. Ma anche per l’urbanistica, per la cura del paesaggio, per l’amore del verde, per le passeggiate e i sentieri, per la cura dei suoi impianti sciistici, per la diversificazione delle proposte di trekking, per le dimore di charme. Ma anche per le proposte vitivinicole, limitate ma ricche di sensazioni e profumi, per la qualità e il numero di ristoranti e trattorie, per il numero di itinerari del gusto (eccezionali prodotti unici per una Regione unica”. Tanto piccola quanto ricca di attrattive. La Valle d’Aosta non ha da invidiare nulla a nessuno. Cultura, parchi, laghi, castelli, impianti sciistici, eccellenze enogastronomiche: qualunque sia il motivo che conduce a queste latitudini, ci sarà di che sorridere. La Guida ai Sapori e ai Piaceri di Repubblica ha deciso di raccontare la Valle d’Aosta attraverso 62 itinerari. Si comincia con la cultura, tra bellezze romane e santuari, passando per la storia dei Walser, la bellezza selvaggia di Champorcher, il fascino medievale di La Salle e i cammini sacri. Parchi e natura? Come si sceglie ci si azzecca. Muovere alla scoperta del parco naturale Mont Avic o di Chanousia, del lago Blu e lago del Miage, della riserva naturale di Montagnayes o del Marais regala scorci ed emozioni fuori dal tempo. E non potranno che sorridere gli appassionati delle due ruote. A loro sono rivolti i 10 itinerari da percorre in sella alla moto, facendo rombare i motori – giusto per fare qualche esempio – tra la Val Veny, Col Tzecore, la Valsavarenche e la strada dei Salassi. La fontina e il lard d’Arnad, il miele e il pan ner, lo jambon de Bosses e il genepì: sono solo alcuni dei prodotti di punta della regione sui quali pone la lente d’ingrandimento il volume; se ne parla negli itinerari del gusto, con i segreti delle varie lavorazioni e le realtà che se ne fanno interpreti. Quindi le piste da sci e i più rinomati impianti sciistici (Courmayeur, La Thuile, Monte Rosa, Cervino, Pila, Crévacol, Torgnon, Champorcher) e i più seducenti percorsi da fare a piedi, tra rifugi, animali introvabili altrove e incontaminate bellezze naturali. Senza dimenticare le 215 referenze (tra ristoranti, botteghe del gusto, dimore di charme e produttori di vino) sulle quali puntare non appena varcati i confini della Valle d’Aosta: sono loro a completare la panoramica su questa regione dalle mille sfaccetature.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE