Home » CULTURA E SPETTACOLI » “Vai piano ma vinci”
Il film ricostruisce la prigionia e la pianificazione della fuga di Pier Felice Filippi

“Vai piano ma vinci”

di ilTorinese pubblicato venerdì 17 novembre 2017

Il docufilm di Alice Filippi ” ’78 – Vai piano ma vinci ” fa parte della sezione non competitiva “Festa Mobile ” del TFF . Prodotto dalla MOWE di Roberta Trovato , è stato realizzato con il sostegno di Mibact -Direzione Generale per il Cinema e di Film Commission Torino Piemonte – Piemonte Doc Film Fund. Il film porta alla luce e ricostruisce i 76 giorni vissuti dal padre di Alice, Pier Felice Filippi, allora ventitreenne campione di rally, figlio di un industriale monregalese , che nel 1978 venne rapito per mano della ‘ndrangheta calabrese, suscitando molto clamore in tutta Italia per poi risolversi in un inaspettato lieto fine e la fuga del giovane dai rapitori, riuscendo a farli arrestare. “Vai piano ma vinci ” è stato girato nell’estate del 2016 a Mondovì da Alice, che, oltre ad aver scritto e diretto il film, ne è anche protagonista come attrice recitando nel ruolo della madre. Attraverso il racconto diretto del protagonista, della famiglia e degli investigatori, il film ricostruisce la prigionia e la pianificazione della fuga di Pier Felice. In parallelo, grazie alle registrazioni originali delle telefonate con i rapitori , per caso ritrovate nel cassetto di un mobile durante il trasloco dopo la morte del nonno – come racconta la stessa Alice – si rivive la battaglia di un padre nel tentativo di restituire la libertà al figlio. Pier Felice sa che sta per affrontare la sfida più importante della sua vita, ma è una gara che dovrà correre andando più piano possibile, mantenendo lucidità e freddezza.

***

” Vai piano ma vinci” ripeteva sempre la madre prima di ogni gara… Mai come in quei giorni quella raccomandazione gli diede la forza di non arrendersi. Appena rapito, si finse svenuto , venne caricato nel portabagagli, riuscendo a mettere a fuoco il percorso dell’auto. Capì così di essere nei pressi di Savona e, appena ne ebbe la possibilità, cerca di comunicarlo alla famiglia. “I am near sv” sono le prime lettere con cui iniziava ogni frase scritta nel biglietto che i rapitori lo convinsero a scrivere , per indurre i familiari a pagare il riscatto. Ma il messaggio criptato non verrà colto né dalla famiglia né dagli investigatori. Trascorrono giorni, Pier Felice è guardato a vista , perde la cognizione del tempo e dello spazio, ma non la lucidità per incastrare ad uno ad uno i pezzi di un puzzle che lo condurranno verso la libertà. La famiglia Filippi aveva già vissuto il dramma della perdita di un figlio, Giancarlo, fratello maggiore di Pier Felice. Sono trascorsi 24 mesi , Pier Felice non lo sa, ma il giorno dell’anniversario di quel drammatico incidente è lo stesso in cui riuscirà a mettere fine alla sua prigionia. ” Quest’anno – sottolinea Emanuela Martini – sono tornate alla ribalta tematiche come la storia, la famiglia”. E di una storia vera tratta appunto ” Vai piano ma vinci” , che si basa sui ricordi di una famiglia, quella dei Filippi, ma al tempo stesso recupera l’atmosfera e i fatti di quel periodo storico, quello degli Anni di Piombo, insieme ai sentimenti degli Italiani di allora. Il film racchiude anche un messaggio importante, come sottolinea Alice Filippi, , ” rappresenta cioè una storia di speranza e determinazione. Usando intelligenza e fermezza senza mai strafare si può arrivare al raggiungimento dell’obiettivo prefissato, E il rischio calcolato di mio padre ne è stata la conferma.” “Vai piano ma vinci” sarà nelle sale domenica 26 novembre alle 20,30 e lunedì 27 alle 11,30 al Cinema Reposi.

Helen Alterio