Home » Brevi di cronaca » Vademecum-cibo: come difendersi dal caldo torrido
LO ZOOPROFILATTICO SVELA I TRUCCHI PER NON INCORRERE IN TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

Vademecum-cibo: come difendersi dal caldo torrido

di ilTorinese pubblicato venerdì 10 luglio 2015

Distribuzione gratuita della guida “8 Regole per difenderci quando fa caldo”presso gli Ipercoop di Torino “Parco Dora”, Collegno “Piazza Paradiso”, Pinerolo “Le due Valli”, Cuorgnè

 

 

cibo stradaCon l’innalzamento delle temperature nei mesi estivi, aumenta anche il rischio di intossicazioni alimentari. I dati più recenti dell’Autorità Europea della Sicurezza alimentare dicono che annualmente in Europa oltre 55.000 mila persone si ammalano per  l’ingestione di cibi contaminati da sostanze tossiche o microrganismi patogeni. “Per svolgere il loro effetto patogeno o per produrre le loro tossine” – spiega Maria Caramelli Direttore dell’Istituto Zooprofilattico di Torino – i batteri devono raggiungere elevate concentrazioni: tanto più è alta la temperatura, tanto più in fretta possono moltiplicarsi e diventare pericolosi” Per questo motivo, l’Istituto ha prodotto e pubblicato e distribuito gratuitamente dal 9 luglio, il vademecum con le  “8 regole per difendersi quando fa caldo” preziosi suggerimenti per rallentare la moltiplicazione batterica, conservare correttamente gli alimenti e tutelare la nostra salute. “Facili accorgimenti che possono cambiare il livello di sicurezza degli alimenti e bloccare la crescita di batteri pericolosi: – continua Caramelli – non si tratta solo di formaggi che diventano blu o ricotte rosa, queste sono alterazioni che non si vedono a occhio nudo ma che possono causare gravi sintomi soprattutto in bambini e anziani.” Consigli per fare la spesa, conservare a casa gli alimenti deperibili,  gestire il frigorifero, organizzare pic-nic in sicurezza e tanti altri consigli per alimenti sicuri anche d’estate.