Home » ECONOMIA E SOCIALE » Unione della Valcerrina, quale futuro ?
MOVIMENTO PROGETTO PIEMONTE

Unione della Valcerrina, quale futuro ?

di ilTorinese pubblicato domenica 6 settembre 2015

mpp iaris

Un ordine del giorno sulla sanità e un’interpellanza al Presidente  per chiedere di rendere effettivo l’associazionismo

 

Quali sono le reali prospettive per l’Unione dei Comuni della Valcerrina ? E’ quanto chiede il consigliere, espressione delle minoranze Massimo Iaretti (che è anche consigliere comunale a Villamiroglio) in una  articolata interpellanza inviata al presidente Maria Rosa Dughera. Iaretti rileva che l’Unione, che è un organo politico, sovente segni, in decisioni che dovrebbero coinvolgere tutto il territorio dei Comuni aderenti, prese di posizione differenziate che, di fatto, ne limitano il processo di crescita. Così alla Galleria Meravigli a Milano, all’iniziativa del Padiglione Monferrato i Comuni aderenti sono stati 2 su 9, i comuni che non hanno aderito al progetto di lotta contro le zanzare sono stati 4 su 9, nonostante sia stata approvato da qualche mese la mozione che istuisce il Controllo del Vicinato sinora soltanto Ponzano Monferrato e Villamiroglio l’hanno adottata con propria delibera e non siano stati fatti dei passi avanti concreti. “L’impressione – dice Iaretti – è che ci sia una tendenza di molti, al di là della parole, a non vedere al di fuori dei propri confini. Certo la strada dell’associazionismo è dura da percorrere e con mille difficoltà oggettive, rese tali anche dalla schizofrenia legislativa a livello nazionale degli ultimi anni, ma questo è il futuro. Recentemente nell’Eporediese l’Unione Terre del Chiusella ha addirittura festeggiato il suo quarto compleanno con una festa ed un dibattito per fare conoscere ai cittadini cosa fosse stato fatto e cosa si vorrà fare. Qui mi sembra si stia navigando in senso oppposto”. Nell’interpellanza Iaretti, dopo aver evidenziato che le recenti variazioni statutarie hanno stabilito un record (il consiglio è composto da 9 sindaci, espressioni di tutti i 9 comuni e 2 membri eletti dalle minoranze, la giunta è composta da un presidente e otto assessori che sono gli stessi sindaci) torna a rimarcare la necessità di un allargamento del Consiglio prevedendo, oltre ai sindaci, un consigliere espressione della maggioranza ed uno della minoranza per ogni Comune. Inoltre invita il presidente a presentare e portare in discussione un programma di mandato e provvedere a stretto giro di posta ad una distribuzione delle deleghe. Lo stesso Iaretti(che è anche presidente del Movimento Progetto Piemonte) ha depositato al protocollo dell’Unione la richiesta di una convocazione urgente del Consiglio per discutere un ordine del giorno sui problemi della sanità casalese.  E la richiesta è stata immediatamente accolta e il Consiglio fissato per giovedì  10 settembre. “Ringrazio la presidente Dughera per avere colto con tempestività quanto le avevo richiesto. Se l’Unione è un organo politico deve funzionare come tale, non limitarsi a prendere atto ogni volta. In caso contrario meglio porre fine all’esperienza, ma non ci si lamenti poi se da Roma un giorno dovessero arrivare decisioni drastiche e prese sulla carte da persone che non conoscono il territorio, i suoi problemi, gli sforzi che quotidianamente sindaci, assessori e consiglieri fanno per poterlo governare al meglio in una crisi che ormai non è congiunturale ma strutturale”