Home » ECONOMIA E SOCIALE » Una notte con la Costituzione
al Circolo dei Lettori in una serata di Interclub

Una notte con la Costituzione

di ilTorinese pubblicato domenica 7 ottobre 2018

Una notte con la Costituzione Italiana, che ha da poco celebrato i suoi settanta anni. Rimane sempre attuale, a distanza di decenni, il significato profondo dei pilastri della Carta fondamentale del 1948, tra cui la centralità dei diritti consacrati nel moderno Stato sociale e solidale, dal lavoro alla salute, dall’educazione alla difesa delle donne. ” Sarà proprio lei, la Costituzione italiana, il fulcro della serata in programma lunedì 8 ottobre prossimo, al Circolo dei Lettori di Torino – spiega Massimo Rivalta, Presidente del Rotary Rivoli – in occasione dell’Interclub promosso dal Rotary Club Torino Val Sangone, cui parteciperanno numerosi anche altri Club, tra cui il Rotary Torino Sud Est. “Sarà un incontro molto interessante e con importati relatori del calibro dei notai Giulio Biino, appena nominato presidente del Circolo dei lettori, e Fabrizio Olivero – aggiunge l’ingegner Massimo Rivalta – Oltre che allo scopo culturale e civile, intrinsecamente chiaro, la serata servirà per una raccolta fondi per un service comune dei Club partecipanti o anche distrettuale. Si tratta di un Interclub importante per il valore dell’argomento, per la sua attualità e per la presenza di relatori di fama , oltre che per la ricaduta sul sociale del service comune. E adesso un po’ di storia. La Costituzione della Repubblica Italiana è entrata in vigore, come molti sapranno, il 1° gennaio 1948; dunque ha appena compiuto settant’anni. “Il suo è un patrimonio di valori, di principi e di regole”. Forse, però, non tutti sono a conoscenza che il testo originale è conservato in tre copie: una presso la Presidenza della Repubblica, una nell’Archivio storico della Camera ed una terza nell’Archivio centrale dello Stato. Porta la data del 27 dicembre 1947 e la firma di Enrico De Nicola, allora Presidente della Repubblica, con le controfirme del presidente dell’Assemblea Costituente Umberto Terracini, e del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi, e il “visto” del Ministro “guardasigilli” Giuseppe Grassi”. “Ma tutte queste sono informazioni – conclude l’ ingegner Rivalta – che solo chi è appassionato di certi argomenti padroneggia. Sono da sempre una persona interessata dalla conoscenza della nostra storia e ritengo che sarebbe straordinario che anche i giovani di oggi guardassero con più interesse alle radici di questo libro costituito, nel testo originario, da 139 articoli e 18 “disposizioni transitorie e finali”. In questa Costituzione c’è dentro tutta la nostra storia, tutto il nostro passato, tutti i nostri dolori, le nostre sciagure, le nostre gioie di Italiani”.

 

Mara Martellotta

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE