Home » CULTURA E SPETTACOLI » Un viaggio nel classicismo viennese
lunedì 11 dicembre 2017 ore 20.30 • Auditorium Giovanni Agnelli Via Nizza 280

Un viaggio nel classicismo viennese

di ilTorinese pubblicato giovedì 7 dicembre 2017

Andando verso il Natale, chi non vorrebbe fare un viaggio in Austria? Ed è proprio lì che ci condurranno I Concerti del Lingotto, con un itinerario musicale d’eccezione attraverso il classicismo viennese con il famoso violinista Pinchas Zukerman, nella doppia veste di solista e direttore dell’altrettanto celebre Camerata Salzburg, che lunedì 11 dicembre 2017 alle 20.30 presso l’Auditorium Giovanni Agnelli (via Nizza 280, Torino) daranno vita alla terza tappa dei Concerti del Lingotto 2017-2018. Pinchas Zukerman, nato a Tel Aviv e scoperto da Isaac Stern, è considerato un fenomeno nel mondo della musica classica ormai da più di quattro decenni. Il suo genio musicale, la tecnica prodigiosa e l’incrollabile livello artistico sono una meraviglia continua per pubblico e critica; la sua passione e il suo entusiasmo per l’insegnamento hanno portato a programmazioni innovative a Londra, New York, Ottawa, in Cina e Israele. Il nome di Pinchas Zukerman viene ugualmente rispettato come violinista, violista, direttore d’orchestra, pedagogo e musicista da camera. Anche la Camerata Salzburg esercita un’attrattiva particolare, non solo perché il suo nome evoca il luogo natale del grande musicista ma in quanto depositaria di una tradizione non tanto antica – l’orchestra è nata nel 1952 – ma che ha nel suo patrimonio genetico il pensiero e l’insegnamento di alcuni dei più autorevoli “mozartiani” del Novecento, da Bernhard Paumgartner che l’ha fondata a Sándor Végh e tanti altri grandi direttori e solisti fino ai giorni nostri. La Camerata Salzburg ha sperimentato un nuovo stile di esibizioni fin dai primi anni Sessanta: durante una tournée in Germania, Géza Anda decise di dirigere l’orchestra dal pianoforte, una mossa alquanto coraggiosa a quei tempi. Il programma della serata è tutto squisitamente “viennese”, con i tre grandi protagonisti della stagione classicista. Si apre con la Romanza per violino e orchestra n. 1 in sol maggiore op. 40 di Ludwig van Beethoven, databile all’incirca ai primi anni dell’Ottocento, nella quale il virtuosismo cede il passo alla cantabilità e all’espressività. Con il Concerto per violino e orchestra n. 5 in la maggiore KV 219 di Wolfgang Amadeus Mozart torniamo al 1775, quando Mozart adempie ai suoi doveri come Konzertmeister nella Salisburgo dell’Arcivescovo Colloredo componendo musica da camera e da chiesa, compresi i cinque Concerti per violino e orchestra, dei quali il KV 219 è l’ultimo e forse il più conosciuto, grazie anche al suo Finale con il famoso episodio centrale in stile “alla turca”. Si chiude con la Sinfonia n. 83 in sol minore “La poule” di Franz Joseph Haydn, unica in minore tra le sei sinfonie cosiddette “parigine”, così chiamata per la  nota puntata e ribattuta degli oboi nel primo tempo che ricorda il verso della gallina. Il titolo non deve però trarre in inganno, “La poule” è uno dei lavori più impegnativi del “padre della sinfonia”.

***

La biglietteria è aperta nei giorni 6, 7 e 11 dicembre 2017 in via Nizza 280 interno 41, dalle 14.30 alle 19, e un’ora prima del concerto, dalle 19.30. Poltrone numerata da 27 a 54 euro, ingresso non numerato 20 euro e ingressi numerati giovani 13 euro (ridotto per i giovani con meno di trent’anni) in vendita un quarto d’ora prima del concerto secondo disponibilità. Vendite on line su www.anyticket.it. Informazioni: 011.63.13.721.

***

Lunedì 11 dicembre 2017 ore 20.30
Auditorium Giovanni Agnelli, Via Nizza 280, Torino

Camerata Salzburg
Pinchas Zukerman, direttore e violino

Ludwig van Beethoven
Romanza per violino e orchestra n. 1
in sol maggiore op. 40

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto per violino n. 5 in la maggiore KV 219

Franz Joseph Haydn
Sinfonia n. 83 in sol minore Hob. I:83 “La poule”

UN VIAGGIO NEL CLASSICISMO VIENNESE
lunedì 11 dicembre 2017 ore 20.30 • Auditorium Giovanni Agnelli, Via
Nizza 280, Torino