Home » Sport » Un Torino non in giornata esce sconfitto dalla “fatale” Empoli
EMPOLI-TORINO 4-1

Un Torino non in giornata esce sconfitto dalla “fatale” Empoli

di ilTorinese pubblicato lunedì 20 maggio 2019

I granata incappano in una pesante sconfitta al “Carlo Castellani”, campo sul quale in 17 confronti (tra Serie A, Serie B e Coppa Italia) sono usciti vincitori in un’unica occasione: una partita di Coppa Italia della stagione 1984-’85

Il Torino si è fermato a Empoli. Dopo il bel filotto di risultati utili, che avevano permesso ai granata d’inserirsi addirittura nella corsa per la Champions League, gli uomini di Walter Mazzarri escono sconfitti per 4-1 dal confronto con l’Empoli, risultato che, alla luce della successiva vittoria del Milan sul Frosinone, decreta la fine delle velleità europee del Toro. Un Toro che, dopo aver incassato lo 0-1 al 27′ (autore l’ex di turno Afriyie Acquah, che beffa Salvatore Sirigu con un destro debole ma preciso), sfiora il pari in tre occasioni con Andrea Belotti (che colpisce un palo al 43′), per poi trovarlo al 56′ con Iago Falque: il talentuoso numero 14 torinista (entrato da soli tre minuti in sostituzione di Ola Aina) insacca con un preciso sinistro da fuori area, con la sfera che incoccia sul montante per poi entrare in porta, beffando l’incolpevole estremo difensore locale Bartlomiej Dragowski. Quando sembra che il vantaggio piemontese sia ormai prossimo, sale in cattedra la compagine toscana (affamata di punti per la conquista di una salvezza assolutamente inimmaginabile fino a poche settimane or sono), che trova il 2-1 al 65′ con Matteo Brighi (entrato da appena un minuto, in sostituzione di Acquah), bravo nel farsi trovare pronto al centro dell’area di rigore per insaccare un tiro di Giovanni Di Lorenzo deviato da Daniele Baselli. A quel punto, sulle ali dell’entusiasmo, gli empolesi triplicano al 70′ con lo stesso Di Lorenzo (che, da pochi passi, batte l’incolpevole Sirigu dopo essersi liberato di Armano Izzo), per poi realizzare il definitivo 4-1 all’88’ col loro bomber Francesco Caputo. Il Toro, quindi, deve dire addio (per questa stagione) ai sogni europei, aritmeticamente infranti poche ore dopo a causa della vittoria (2-0) del Milan sul Frosinone, successo che lancia i rosso-neri a quota 65, rendendoli irraggiungibili dai granata (che, in linea teorica, potrebbero agganciare la Roma, ma inutilmente, in quanto in svantaggio negli scontri diretti). Empoli, quindi, si conferma “fatale” per il Torino, che su 17 confronti (nove in Serie A, sei in Serie B e due in Coppa Italia) al “Carlo Castellani” ha avuto la meglio in un’unica occasione: nella partita del primo turno di Coppa Italia 1984-’85 (primo confronto in assoluto tra le due compagini), disputatasi il 9 settembre 1984 e conclusasi col successo del Toro per 1-0, con rete di Leo Junior al 56′. Per il resto, solo pareggi (nove) e sconfitte (sette). Il prossimo e conclusivo impegno dei granata sarà domenica alle ore 15, quando al “Grande Torino” sarà ospite la Lazio, in una gara che avrebbe potuto consistere in un autentico spareggio europeo e che, invece, sarà solamente una specie di “passerella”: per i laziali (vincitori della Coppa Italia), ma anche per il Torino, che in questa stagione ha offerto molte prestazioni davvero “da Toro” (Empoli a parte, ovvio). Purtroppo, proprio nell’anno in cui i granata si sono dimostrati in grado di raggiungere il settimo posto, tale piazzamento non sarà sufficiente per conseguire la tanto agognata qualificazione europea.

Giuseppe Livraghi

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE