Home » ECONOMIA E SOCIALE » Un Salone Internazionale del Libro di Torino tira l’altro?
I main sponsor e partner dovranno mettere mano ai cordoni della borsa

Un Salone Internazionale del Libro di Torino tira l’altro?

di ilTorinese pubblicato domenica 24 dicembre 2017

Sembra incredibile, ma il momento del maggior successo del Salone del Libro di Torino coincide con la sua maggior crisi. Quando uno dei componenti del consiglio di amministrazione ci manifestò le sue preoccupazione a Cheese ne rimanemmo sconcertati e stupefatti. Possiamo però dire che la notizia ci sorprese? In effetti il mio amico disse: “che avrà voluto dire?”.Svelato l’arcano: l’Assemblea dei Soci della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura si è riunita in seduta ordinaria a Torino presso la sede della Giunta Regionale del Piemonte, sotto la presidenza di Sergio Chiamparino per deliberare quello che si farà prima della fine dell’anno – ma per non rovinare il Natale – subito dopo il 28 dicembre. Alla presenza della Sindaca di Torino, Chiara Appendino,Michele Coppola per Intesa San Paolo,le Assessore alla Cultura di Regione Piemonte,Antonella Parigi e della Città di Torino Francesca Leon; il Presidente della Fondazione per il Libro Massimo Bray, non presente fisicamente, ma in video conferenza per dare un tocco di modernità, il Vice-Presidente Mario Montalcini, il Consigliere d’Amministrazione Luciano Conterno, il Segretario Generale Michele Petrelli, il dottor Giuseppe Ferrari e l’avvocato Carlo Merani. Stranamente assenti i rappresentanti di Mibact e Miur tanto a suggellare una loro estraneità alle difficoltà di bilancio.


Il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione per il Libro ha esposto, congiuntamente al Collegio dei Revisori dei conti, all’Assemblea dei Soci Fondatori, la penosa ricognizione della situazione economico-finanziaria. Le conseguenze ineludibili sono state che i Soci hanno preso atto del venir meno della ”continuità aziendale e dell’assenza dei presupposti economici e giuridici necessari per un risanamento finanziario dell’Ente“: In conclusione l’avvio della procedura di messa in liquidazione.

Va da sé che resta da stabilire come si arriverà alla prossima edizione del 31° Salone del Libro di Torino che dovrà competere non con l’omologo Salone di Milano, ma anche con una città che proporrà anche la rinnovata “Print4you“. In altre parole: due Saloni in uno.

La procedura formale di liquidazione della Fondazione nell’Assemblea dei Soci in seduta straordinaria, prevista il 28 dicembre alle ore 13.00 presso lo studio torinese del notaio Giulio Biino la nominerà il commissario incaricato di gestire la fase di liquidazione. Il suo compito non sarà dei più semplici, perché i debiti sono molto più ingenti degli incassi dei crediti già deliberati e ancora dovuti da Enti, partner e sponsor: Le entrate previste non saranno sufficienti per far fronte agli impegni pregressi con fornitori e banche che sono veramente tanti. Tanto che , a meno di non pagare i fornitori. Comunque andrà, qualcuno ci perderà, compreso forse anche i dipendenti.

Intanto la pianificazione della 31a edizione del Salone è alle porte e prevedere come andrà a finire senza rallentamenti l’attività organizzativa, sarà impresa ardua. A tal fine, la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura ha siglato un Protocollo d’Intesa assieme alla Fondazione Circolo dei lettori e alla Fondazione Cultura Torino, che prevede il distacco funzionale del personale della Fondazione per il Libro presso le altre due fondazioni culturali.

Non c’è da invidiare la nuova ”cabina di regia” cui competeranno gli indirizzi generali, il coordinamento e il monitoraggio delle azioni che dovranno essere concertate tra le tre Fondazioni per la rinascita. Per dirla con termini, in voga adesso, “Smart“.A prescindere dal nome che si vuole utilizzare, il “rinascimento ” del nuovo Salone del Libro ce lo auguriamo tutti. Nella cabina di regia, presieduta da Massimo Bray, i vertici di Fondazione per il Libro Mario Montalcini, Michele Petrelli e Nicola Lagioia; per il Circolo dei lettori Luca Beatrice e Maurizia Rebola; per la Fondazione Cultura Torino Angela La Rotella e per l’ Associazione Editori Amici del Salone Gaspare Bona e Isabella Ferretti).

Visto che siamo in tema di Salone del Libro, ci viene in mente, il titolo di un libro d’antan dello scrittore Marcello dell’Orta: ” Io speriamo che me la cavo”. Se la caverà il Salone del Libro, noi speriamo che sia così e a Natale è un buon augurio!

Tommaso Lo Russo

(foto: il Torinese)

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE