Home » POLITICA » UN ORDINE DEL GIORNO PER SALVAGUARDARE L’OCCUPAZIONE DI ITALIAONLINE
DA PALAZZO LASCARIS

UN ORDINE DEL GIORNO PER SALVAGUARDARE L’OCCUPAZIONE DI ITALIAONLINE

di ilTorinese pubblicato lunedì 12 marzo 2018

CAPUTO (PD): “FONDAMENTALE GARANTIRE AI LAVORATORI IL MASSIMO IMPEGNO ISTITUZIONALE”

“A seguito dell’annuncio, nei giorni scorsi, da parte di Italiaonline della chiusura della sede di Torino che comporterà 248 esuberi e 241 trasferimenti alla sede aziendale di Assago, ho depositato un ordine del giorno, che auspico verrà approvato nella seduta del Consiglio regionale del 13 marzo, finalizzato ad impegnare la Giunta regionale ad attivarsi con urgenza affinchè venga aperto un Tavolo regionale di confronto con tutti i soggetti coinvolti in modo tale da salvaguardare, il più possibile gli attuali livelli occupazionali” ha spiegato la Consigliera regionale del Partito Democratico Valentina Caputo.

“Credo che sia fondamentale – ha proseguito la Consigliera Caputo – garantire ai lavoratori della sede di IOL di Torino il massimo impegno istituzionale e occorre ribadire la ferma contrarietà ad un’ipotesi di ristrutturazione che preveda una riduzione di personale. L’età media dei lavoratori di Italiaonline, infatti, è di 47 anni e, pertanto, al dramma del licenziamento, si aggiungerebbero le difficoltà connesse ad un ricollocamento non semplice nel mondo del lavoro”.

“E’ necessario – ha concluso la Consigliera Caputo – intervenire per evitare che questa grave situazione metta, ulteriormente, a dura prova il tessuto economico del nostro territorio, estendendosi anche alle aziende che, direttamente o indirettamente, sono collegate a IOL, fatto che coinvolgerebbe circa 1.000 lavoratori in Piemonte. Per meglio approfondire e chiarire la vicenda ho presentato anche una richiesta di audizione in Commissione dei sindacati e dei vertici aziendali e spero che il Tavolo convocato il 20 marzo prossimo, a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al quale parteciperanno anche il Presidente Chiamparino e l’Assessora Pentenero, possa fornire risposte e soluzioni”.