Home » prima pagina » Ultrà Juventus, Andrea Agnelli testimone al processo di ‘ndrangheta “Alto Piemonte”
La decisione è del gup Giacomo Marson che ha accolto una richiesta della difesa di due degli imputati

Ultrà Juventus, Andrea Agnelli testimone al processo di ‘ndrangheta “Alto Piemonte”

di ilTorinese pubblicato venerdì 21 aprile 2017

Andrea Agnelli, presidente della Juventus,  andrà a testimoniare al processo di ‘ndrangheta  denominato ‘Alto Piemonte’, a Torino. La decisione è del gup Giacomo Marson che ha accolto una richiesta della difesa di due degli imputati, Saverio e Rocco Dominello. La richiesta giunge  anche Loris Grancini, capo ultras dei Viking, ed era stata avanzata in aula dall’avvocato Domenico Putrino come condizione per usufruire del rito abbreviato. Il tema è quello del presunto tentativo di Dominello, secondo l’accusa  affiliato alla ‘ndrangheta, di partecipare al business del bagarinaggio dei biglietti della Juve. La difesa nega che Dominello appartenga a qualsiasi titolo al mondo della criminalità organizzata. Intanto  nella mail che nel 2012 un capo ultrà della Juventus, Raffaello Bucci, spedì ai suoi contatti nel gruppo dei Drughi, consegnata  al giudice Marson dall’avvocato Domenico Putrino, uno dei difensori, si legge: “Ciao. Entro domenica comunicare la quantità di biglietti che servono per Juventus-Parma. Entro martedì siete invitati a contattarmi per assegnazioni”. Il legale, che difende l’imputato  Dominello, intende spiegare il sistema di distribuzioni di quote di biglietti alla tifoseria organizzata e dimostrare, come dichiara all’Ansa,  che “la ‘ndrangheta non ha niente a che fare con questa vicenda”.