Home » vetrina11 » Tutti gli ecoristoranti di Venaria
•L’accordo stipulato dai ristoratori per aderire alla rete Ecoristoranti prevede il loro impegno nella promozione dell’asporto delle pietanze non consumate dal cliente

Tutti gli ecoristoranti di Venaria

di ilTorinese pubblicato sabato 1 luglio 2017

Sono stati presentati a Venaria Reale i ristoratori che sono entrati a far parte della rete Ecoristoranti. Promosso dalla Città di Venaria Reale e da Cidiu Servizi, il progetto di promozione del network nazionale di ristoratori ecosostenibili ha visto l’adesione di 13 locali venariesi che hanno deciso di valorizzare la loro attività con un impegno concreto nei confronti dell’ambiente e una maggiore attenzione agli sprechi alimentari. Alla presentazione, che si è svolta presso la sala del Consiglio comunale di Venaria Reale, erano presenti l’assessore all’Ambiente della Città di Venaria Reale, Marco Allasia e l’Amministratore unico di Cidiu Servizi, Riccardo Civera, che hanno consegnato gli attestati ai ristoratori intervenuti. Presente, inoltre, Enrico Di Nola della Cooperativa ERICA, società di comunicazione che gestisce la rete a livello nazionale. Di seguito l’elenco completo dei ristoratori:

 

    • La Locanda, via Andrea Mensa 31/B
    • Leoni’s, via Andrea Mensa 8/E
  • Trattoria Nuova Cernaia, piazza Annunziata 12/C

 

    • Il Quadrovale, piazza Annunziata 2
    • Caffè Nazionale/Osteria al Cantun, piazza Annunziata 6
    • Il Bergamotto, piazza Annunziata 7
    • BenvenutO, corso Garibaldi 155
    • Convivium, via Boglione 1/5
    • Passami il sale, via Andrea Mensa 37/B
  • Osteria Tripoli, via Canale 14

 

  • Trattoria San Marchese, via Lanzo 287
  • Sapori Reali, via San Marchese 38
  • Cascina Oslera, corso Fratelli Kennedy – Robassomero
  • L’accordo stipulato dai ristoratori per aderire alla rete Ecoristoranti prevede il loro impegno nella promozione dell’asporto delle pietanze non consumate dal cliente, l’utilizzo di tovaglioli in stoffa, dell’acqua in brocca, la preferenza per prodotti con meno imballaggi, la differenziazione dei propri rifiuti e il compostaggio. In cambio il ristoratore potrà esporre la vetrofania che conferma l’adesione alla rete, sarà presente sui canali social (Facebook e Instagram) della rete, potrà risparmiare su forniture, tempo e spazio. All’adesione i ristoratori hanno ricevuto un kit composto dalla vetrofania, l’attestato di adesione, un banner-espositore da collocare nei pressi della cassa e una Doggy Bag, contenitore che può essere utilizzato per il trasporto di cibi non consumati, ma ancora edibili.

Massimo Iaretti