Home » TRIBUNA » TRAFFICO CUCCIOLI, ON. BRAMBILLA: “BASTA CHIACCHIERE, OCCORRONO PENE PIU’ SEVERE”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

TRAFFICO CUCCIOLI, ON. BRAMBILLA: “BASTA CHIACCHIERE, OCCORRONO PENE PIU’ SEVERE”

di ilTorinese pubblicato venerdì 19 aprile 2019

“Non mi stancherò mai di ripetere che occorrono pene più severe per chi maltratta o uccide gli animali. Di fronte a comportamenti come quelli svelati dall’operazione “Crudelia”, dei carabinieri forestali di Reggio Emilia, sento levarsi voci indignate anche dalla maggioranza di governo. Bene. Spero allora che sia la volta buona e che finalmente il Parlamento esamini la mia proposta di legge AC 335 “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni per l’integrazione e l’armonizzazione della disciplina in materia di reati contro gli animali”. L’ultima maggioranza parlamentare che si è dimostrata concretamente sensibile – ricorda l’ex ministro – è stata quella di centrodestra, che nel 2010 ha approvato la fondamentale legge 201 sul traffico dei cuccioli e per l’inasprimento delle sanzioni penali contro gli autori di maltrattamenti e uccisioni. Da allora solo chiacchiere e indignazione a buon mercato”. Così l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, commenta gli esiti dell’operazione coordinata da Reggio Emilia contro trafficanti di cuccioli.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE