Home » ECONOMIA E SOCIALE » Forse sarebbe stato meglio spostare il G7
E' mai possibile che non ci sia nessuno in grado di usare la ragionevolezza in un evento che rischia di diventare per Torino solo una spesa inutile e una negatività quasi assoluta?

Forse sarebbe stato meglio spostare il G7

di ilTorinese pubblicato venerdì 22 settembre 2017

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni

Più si avvicina la data del G7 a Torino  e più si vede l’inadeguatezza e il provincialismo della Città che cede terreno agli antagonisti che saranno i protagonisti veri del G7  torinese. Se i tempi non fossero cambiati, si potrebbe pensare a quando i Cuneesi preparavano le accoglienze al Re ed entravano in fibrillazione . Su quei preparativi si sono costruite molte maldicenze sugli abitanti di Cuneo. Si lamentano il Rettore del Politecnico perché non ci sarà la cena di gala, si lamenta il presidente dell’Unione industriale perché i gioielli tecnologici e industriali di Torino resteranno nascosti. Si prepara addirittura  un piano sanitario per gli eventuali feriti negli scontri che si danno quindi quasi per scontati. Non è così che si affrontano questi eventi. Forse conviene pensare seriamente a spostare il G7 da qualche altra parte o conviene prevenire le mosse dei contestatori, mettendoli in condizioni di non nuocere alla Città . Bisogna riaffermare con forza il primato della Legge . Non ci sono mezze misure che tengano. Pensare ai feriti e’ indice grave di incapacità ad affrontare con fermezza l’eversione. O di non volontà nel perseguirla .Forse troppi grillini sono contigui ai centri  sociali. Ospitare in piazza Carlina gli ospiti stranieri e’ un segno di vera e propria insipienza perché rende inagibile parte del cuore stesso della Città .  E’ mai possibile che non ci sia nessuno in grado di usare la ragionevolezza in un evento che rischia di diventare per Torino solo una spesa inutile e una negatività quasi assoluta? 

 

quaglieni@gmail.com