Home » prima pagina » Tra cariche di polizia e conformismo intellettuale la Città riprenda la guida
L’unico che ha detto cose sensate e condivisibili è l’Arcivescovo di Torino che si è espresso con una dichiarazione articolata.Bisogna educare- ha detto Nosiglia-ai doveri collettivi

Tra cariche di polizia e conformismo intellettuale la Città riprenda la guida

di ilTorinese pubblicato giovedì 22 giugno 2017

IL COMMENTO

di Pier Franco Quaglieni

.

Dare addosso alla Polizia è vecchia abitudine,  fin dal 1968. Allora si parlava di repressione,dimenticando che parlavamo di reati da reprimere,non di opinioni magari urlate,ma sempre di semplici opinioni. La Polizia,in linea di massima,è sempre colpevole anche in era post-ideologica. Per altri versi,c’è chi invoca più ordine che poi è la vera  garanzia di libertà per tutti i  cittadini:l’ordine democratico è la cornice entro cui si esprime la vivibilità di una città.Sono le regole sancite dalla Costituzione che vanno fatte rispettare. I centri sociali non rispettano le regole,occupano abusivamente  i locali dove hanno le loro sedi,si riforniscono di luce e di acqua gratis,senza che nessuno imponga loro le regole valide per tutti gli altri cittadini. I centri sociali sono covi di potenziale sovversione,come rivela l’estremismo no Tav che trova il suo terreno di coltura proprio in quei locali. La Polizia dai centri sociali è vista come fascista e violenta.
Ma in un regime democratico la Polizia si muove,di norma, all’insegna del suo motto :Sub lege libertas “. La libertà si esercita nel rispetto della legge e non può diventare licenza. Quando diventa licenza, la democrazia è minacciata da forze che non esitano a ricorrere alla violenza e infrangono il patto sociale su cui si regge la Repubblica. Queste sono le  prime  riflessioni che ci suscitano i fatti di Piazza Santa Giulia, dopo  quelli ben più drammatici di piazza San Carlo a cui il Sindaco di Torino ha reagito, vietando la vendita di bottiglie e bottigliette dalle 20 alle 6 nelle zone della movida.

***

Forse la Polizia ha esagerato ad intervenire  in piazza Santa Giulia,ma sicuramente le responsabilità non possono essere scaricate sul solo Questore. C’è una contiguità pericolosissima tra mondo antagonista e grillini che va denunciata. Chi governa un’istituzione importante come il Comune di Torino non può consentire margini di confusione su questi temi delicatissimi in cui neppure i sindaci precedenti sono stati in grado di intervenire in modo adeguato, ripristinando la legalità. Non basta essere tatuati,avere i capelli lunghi o la testa rasata  e vestirsi in un certo modo (quasi una divisa) per ottenere l’impunità. Molti giovani non antagonisti si fanno tatuare perché è una moda,sia pure sciocca,ma non si sentono antagonisti,ma sfiduciati,depressi,incapaci ai affrontare un futuro incerto,per non dire drammatico. Va anche detto che i gruppi di “Casapound”non sono migliori perché il loro estremismo di destra offende le regole della democrazia. Gli opposti estremismi ,denunciati da Giovanni Spadolini nei primi Anni 70,stanno tornando? Bisogna intervenire per spezzare la spirale della violenza  con coraggio,denunciando le cose come fece Carlo Casalegno che pagò con la vita per i suoi articoli coraggiosi. Disarmanti sono le dichiarazioni odierne  rilasciate dal mondo intellettuale torinese che sarebbe “solitamente restio a commentare fatti di cronaca “ e che rivelano banalità e conformismo. Certo, il mondo culturale appare restio se ,tra i tanti,si intervistano solo due persone,ignorando tutto il resto. Torino non si limita al Circolo dei lettori.

***

L’unico che ha detto cose sensate e condivisibili  è l’Arcivescovo di Torino  che si è espresso con una dichiarazione articolata  in cui si evidenzia che la situazione non è solo riconducibile ad  un tema di ordine pubblico. Bisogna educare- ha detto Nosiglia-ai doveri collettivi, oggi negletti. Ecco, il punto è proprio questo:ciascuno pretende di fare i suoi comodi ,violando i diritti delle  altre persone. Ad esempio, di quelle che abitano in certe zone della città e che,lavorando, hanno diritto al riposo notturno.I “bamboccioni “ borghesi o proletari o sottoproletari non hanno diritto di fare ciò che vogliono,impossessandosi della città. I locali ,magari dei buchi in cui ci stanno dieci persone, non possono pretendere di invadere la città con i dehors e con decine di persone che urlano,bevono e pisciano dappertutto. Il lordare la città con le proprie pisciate è stato fatto oggetto di un intervento  sul “Corriere della Sera “da parte  Claudio Magris, il principe dei germanisti, noto per scrivere di Danubio e  di Mitteleuropa, più che di mode incivili,che manifestano indifferentemente immigrati e italiani. Il fatto grave non è l’intervento della Polizia in piazza Santa Giulia, ma  il fatto che sia dovuta intervenire la Polizia. I doveri rispettati sono alla base dei diritti. Senza i primi non ci sono più neanche i secondi. Se poi qualcuno vuole trovare il capro espiatorio per ciò che accade a Torino,il caso di piazza Giulia ,dopo piazza San Carlo, offre lo spunto per scaricare qualcuno. Ma chi governa la Città deve anche sapersi assumere le proprie responsabilità. La morte di Erika e ,direi,la vita tranquilla dei cittadini lo impongono a gran voce.Anche chi non urla è indignato.Forse il suo silenzio è più grave delle banalità espresse dagli “intellettuali” tuttologi e tautologici. 

(foto: il Torinese)