Home » prima pagina » Tornano a casa gli attivisti torinesi della carovana di aiuti in Siria
ERANO STATI ARRESTATI DALLA POLIZIA TURCA AL RIENTRO DALLA MISSIONE UMANITARIA NELLA CITTA' DI KOBANE ACCERCHIATA DALL'ISIS. AVEVANO PORTATO AIUTI PER RICOSTRUIRE L'OSPEDALE

Tornano a casa gli attivisti torinesi della carovana di aiuti in Siria

di ilTorinese pubblicato lunedì 25 maggio 2015

isis2

Il gruppo, di cui facevano parte nove attivisti, aveva portato 55 chili di farmaci e 8mila euro

 

Dovrebbero tornare in Italia martedì i due attivisti vicini al mondo dei centri sociali, arrestati giovedì dalla polizia turca mentre stavano tornando da una missione umanitaria  a Kobane, la città  siriana accerchiata dall’Isis. I due, che avevano preso parte alla ‘Carovana per il Rojava’, che ha portato aiuti alla popolazione della città curda, hanno detto: “Non ci pentiamo di nulla, e saremo a Malpensa martedì”. Il gruppo, di cui facevano parte nove attivisti, aveva portato 55 chili di farmaci e 8mila euro per ricostruire l’ospedale cittadino: “La Turchia impedisce qualsiasi passaggio di aiuti alla popolazione – ha dichiarato a Repubblica uno dei promotori torinesi dell’iniziativa – Sia all’andata che al ritorno è stato necessario attraversare illegalmente il confine e i militari turchi hanno sparato un colpo di pistola e arrestato i due italiani e un ragazzo curdo che è stato picchiato a bastonate, privato delle scarpe e fatto rientrare dal lato del Rojava e colpito a pietrate”.