Home » prima pagina » Torna il pop di Traffic, dalle Ogr a piazza San Carlo
LA RASSEGNA MUSICALE DAL 24 LUGLIO

Torna il pop di Traffic, dalle Ogr a piazza San Carlo

di ilTorinese pubblicato sabato 26 luglio 2014

TRAFFICLa condizione che gli artisti devono soddisfare per misurarsi con uno spazio capace di accogliere decine di migliaia di persone consiste nell’esprimere una vocazione “pop”, nel senso etimologicamente corretto di “popolare”

 

Dopo l’esperienza dello scorso anno ai Cantieri OGR, “Traffic” ritorna in piazza San Carlo, già sede del festival nel 2011 e nel 2012. La condizione che gli artisti devono soddisfare per misurarsi con uno spazio capace di accogliere decine di migliaia di persone consiste ovviamente nell’esprimere una vocazione “pop”, nel senso etimologicamente corretto di “popolare”. A condizione che – nel nostro caso – quantità faccia rima con qualità. Questa è la prima direttrice seguita per scegliere i protagonisti da schierare sul palco, tutti – in un modo o nell’altro – proposti in esclusiva nazionale: ecco dunque i Pet Shop Boys (da tre decenni indiscusse icone britanniche dell’electro pop), i Litfiba (nella versione “Trilogia del potere”, caposaldo nella storia del rock italiano degli anni Ottanta) e l’estemporaneo abbinamento fra I Cani e Max Pezzali.

 

Quest’ultimo accostamento simboleggia alla perfezione il tema conduttore dell’undicesima edizione di “Traffic”, espresso nello slogan “Yesterday > Today”: l’intenzione di mettere in cortocircuito passato e presente, attraverso un gioco di echi, rimandi e citazioni. Per capire, in due parole, ciò che di ieri è vivo ancora ai giorni nostri. E dunque, ad affiancare i Litfiba, su indicazione di Piero Pelù, sono i giovani siciliani Il Pan del Diavolo, mentre il compito di aprire la serata di venerdì 25 spetta ai torinesi da esportazione Niagara, insieme all’artista britannica – ma berlinese d’adozione – Janine Rostron, in arte Planningtorock. E con lei, associata non a caso ai Pet Shop Boys (figure di culto nei circuiti GBLT), si manifesta uno dei fili conduttori che si notano osservando in controluce il programma del festival, senza farsi abbagliare dai “grandi nomi”: una riflessione pubblica, in forma di concerti, a proposito delle questioni relative alle identità sessuali e alla loro mutevolezza.

 

Allo stesso modo, “Traffic” invita a soffermarsi su ciò che ancora permane oggigiorno del lascito della Resistenza, a quasi 70 anni dalla Liberazione: alludono a questo l’inaugurazione al Borgo Medievale di giovedì 24, con lo spettacolo del collettivo Wu Ming chiamato “Razza partigiana”, e la presenza dei ricostituiti Fluxus (gloria del sottobosco rock cittadino, in cartellone domenica 27), che per tornare insieme hanno scelto – non a caso – la ricorrenza del 25 aprile.

 

È questo lo schema interpretativo suggerito al pubblico del festival, ancora “free” com’è stato fin dall’esordio, nel luglio 2004.