Home » prima pagina » Torino turistica più cara ma più bella
LA TASSA DI SOGGIORNO AUMENTERA' DI 50 CENT. LE NUOVE RISORSE USATE PER MIGLIORARE I SERVIZI

Torino turistica più cara ma più bella

di ilTorinese pubblicato domenica 20 luglio 2014

mozartcc bimbimuseocinema2turistiCome dare torto al Comune? Sono in vista importanti eventi quali Expo 2015, l’Ostensione della Sindone e Torino Capitale dello Sport. La città deve essere preparata ad affrontarli e, per farlo, sono necessarie risorse aggiuntive

 

Cari turisti, siate pronti: dal prossimo ottobre soggiornare negli hotel di Torino costerà 50 centesimi in più a notte. La decisione del Comune di aumentare la tassa turistica è motivata dalle esangui tasse comunali. Palazzo Civico ha fatto due conti e qualche valutazione. Visto il successo di visitatori in città (lo scorso anno le presenze sono state 1 milione e 193 mila con un incasso di oltre 4 milioni di euro dalla tassa di soggiorno) perchè non effettuare un piccolo ritocco? Una valutazione giusta, soprattutto se – come dicono dal Municipio – le risorse aggiuntive saranno utilizzate per migliorare i servizi.

 

E chi se ne frega se al Ministero dei Beni Culturali dicono che la nostra città non dispone di musei di serie A. Sono le cifre e gli apprezzamenti dei visitatori provenienti da ogni dove a decretare il successo della Torino turistica, ricca di bellezze architettoniche ed eventi culturali: il Festival Mozart, tanto per dire,  ha fatto il pienone anche nella sua seconda serata. Con il ritocco della tassa si arriverà a pagare la cifra massima consentita dalla legge, 5 euro, già in vigore ad esempio a Milano, soltanto negli hotel a 5 stelle. Per tutti gli altri, da quelli di categoria più bassa che passeranno da 1,30 a 1,80, l’aumento sarà comunque sempre di mezzo euro. Compresi gli ostelli e i campeggi che saliranno quindi da 1 euro a 1 euro e 50.

 

Come dare torto al Comune? Sono in vista importanti eventi quali Expo 2015, l’Ostensione della Sindone e Torino Capitale dello Sport. La città deve essere preparata ad affrontarli e, per farlo, sono necessarie risorse aggiuntive. Con l’arrotondamento della tassa di soggiorno si stima possa entrare in cassa quasi un milione di euro in più. La consolazione per i turisti è che – seppur aumentata – l’imposta resterà come in passato applicabile soltanto per 4 notti consecutivi negli hotel e 7 negli ostelli.

 

(Foto: il Torinese)