Home » prima pagina » Torino-Lione, arrivano 20 milioni per le opere compensative
I LEGALI DEGLI ATTIVISTI NO TAV HANNO CHIESTO ISTANZA DI SCARCERAZIONE AL TRIBUNALE DEL RIESAME

Torino-Lione, arrivano 20 milioni per le opere compensative

di ilTorinese pubblicato venerdì 19 dicembre 2014

notav ovunque

polizia notavnotav manifestanteTra le opere un impianto per la fornitura di metano a Chiomonte (2,5 milioni di euro), un paravalanghe e una diga in località Verger (900 mila euro), il nuovo ponte sul Cenischia (900 mila euro), un percorso pedonale lungo la provinciale 209, la rotatoria sulla strada per Meana, lavori di messa in sicurezza dei corsi d’acqua

 

Gli avvocati dei quattro attivisti No Tav assolti dall’accusa di terrorismo per l’assalto al cantiere di Chiomonte hanno presentato  istanza di scarcerazione al Tribunale del Riesame di Torino. I giovani hanno già scontato oltre un anno di carcere duro. Rimangono cinque giorni alla procura  per esprimere un parere in merito alla richiesta, dopo ci sarà la pronuncia del tribunale.

 

Nel frattempo la  Regione, attraverso la commissione Trasporti, presieduta da Nadia Conticelli (Pd), ha dato il via libera alla prima parte delle Opere compensative  sul territorio interessato  dalla Torino-Lione. La cifra stanziata, una sorta di “risarcimento” per la Vallata che sarà attraversata dalla linea ferroviaria,  è di 6.1 milioni di euro, 10 milioni di euro sono stanziati dal CIPE e 3,9 milioni dal Comune di Susa. Le opere da realizzare con fondi regionali saranno affidate per la parte che interessa il Comune di Chiomonte (4,03 milioni) alla Società di Committenza regionale (SCR SpA) e per la restante parte sul Comune di Susa (2,07 milioni) alla Provincia di Torino. “ La Commissione – dichiara la presidente Conticelli – ha valutato positivamente l’avvio dei lavori per compensare l’impatto del cantiere in Val Susa. Sono opere necessarie e attese da tempo – continua –, ci siamo assunti l’impegno di decidere un primo elenco di interventi che riteniamo prioritari e immediatamente cantierabili”.

 

Tra le opere decise  c’è la realizzazione di un impianto per la fornitura di metano a Chiomonte (2,5 milioni di euro), un paravalanghe e una diga in località Verger (900 mila euro), il nuovo ponte sul torrente Cenischia sulla SS 25 (900 mila euro), un percorso pedonale lungo la provinciale 209, la rotatoria sulla strada per Meana, lavori di messa in sicurezza su rio Roda e Scaglione e la manutenzione straordinaria e riqualificazione energetica  dell’ITIS di Susa. “Sono risorse – conclude Nadia Conticelli – che servono per far crescere il territorio che sarà al centro di un corridoio europeo di trasporto ferroviario strategico per il futuro del continente, con le opere approvate oggi contribuiamo a dotare il territorio di nuove e utili infrastrutture”. 

 

(Foto: il Torinese)