Home » prima pagina » Torino d’estate: anche la movida la decide il Tar
I GESTORI DEI LOCALI INTENDONO FARE RICORSO CONTRO LA CHIUSURA ANTICIPATA. INTANTO PER I TURISTI DEL CENTRO STORICO ARRIVANO I VIGILI POLIGLOTTI

Torino d’estate: anche la movida la decide il Tar

di ilTorinese pubblicato lunedì 4 agosto 2014

movida 2Più civich sulle strade. E’una prova generale per il 2015, quando la città sarà teatro di grandi eventi: l’Ostensione della Sindone, Torino Capitale europea dello Sport e il 200° anniversario della nascita di Don Bosco

 

Non bastava l’acquazzone di sabato notte. Per i gestori dei locali della movida di San Salvario l’ordinanza che impone di chiudere alle 2 di notte è un deterrente per i clienti e gli incassi diminuiscono. Per questo stanno studiando con un pool di legali come attrezzarsi per fare ricorso al Tar. A meno che il Comune non trovi un’altra soluzione per tutelare il sonno dei residenti. Ormai in questo Paese tutto è in mano ai tribunali.

 

Ma c’è un’altra notizia che riguarda la Torino estiva. Sono 4 le pattuglie di vigili urbani che si aggiungono a quelle normalmente in servizio nel centro storico. Si tratta di civich provenienti a rotazione dalle altre cisrcoscrizioni, per offrire un servizio più efficiente ai turisti che si aggirano per vie e piazze di Torino durante i giorni festivi e prefestivi.

 

E’ una prova generale per il 2015, quando la città sarà teatro di grandi eventi: l’Ostensione della Sindone, Torino Capitale europea dello Sport e il 200° anniversario della nascita di Don Bosco. Per rendere i nostri agenti ancora più competitivi, tutti i 1000 civich circa in servizio in Comune saranno gradualmente sottoposti a corsi di lingue. E, come le guide turistiche, le bandierine delle varie nazionalità che vedremo apposte al bavero, indicheranno le lingue parlate.

 

Un servizio quanto mai utile se si considera il numero crescente di visitatori nella città della Mole. La domenica di ieri, con ingresso gratuito nei musei, ha fatto registrare letteralmente il tutto esaurito nell strutture museali, complice anche la tregua che la pioggia di questi giorni ha concesso.