Home » LIFESTYLE » Torino in caduta libera è al 101° posto nella classifica della sicurezza
SECONDO L'INDAGINE DI ITALIA OGGI PEGGIORA LA QUALITA' DELLA VITA IN PIEMONTE. IL CAPOLUOGO E' 65° A LIVELLO NAZIONALE

Torino in caduta libera è al 101° posto nella classifica della sicurezza

di ilTorinese pubblicato sabato 3 gennaio 2015

TORINO INGRESSO

turistipiazza castelloI dati fanno ancora più riflettere se si pensa che “fino a metà dello Stivale, la gran parte delle province si colloca in una posizione della classifica definita buona o accettabile”

 

La qualità della vita in Piemonte è decisamente peggiorata, secondo la classifica del quotidiano  Italia Oggi, (in edicola su ItaliaOggiSette a partire da domani). Torino perde  ben 16 posizioni e passa dal 49o al 65o posto. Si colloca a quota 101 (su 110) nella classifica della criminalità. Scendono Cuneo, 11a, comunque migliore provincia piemontese, presente nella top ten della sezione ‘Affari e Lavoro’, Alessandria (60) Novara (38), Vercelli (49) e Verbania (23). Migliorano Asti, che passa da 59a a 52a, e Biella, da 46a a 37a, 6a città nel ranking ‘Affari e Lavoro’.

 

“Un’Italia spaccata in due”, spiega ItaliaOggi  a proposito della ricerca promossa in collaborazione con l’équipe coordinata da Alessandro Polli, docente di statistica economica dell’Università La sapienza di Roma. I dati legati a Torino fanno ancora più riflettere se si pensa che “fino a metà dello Stivale, la gran parte delle province si colloca in una posizione della classifica definita buona o accettabile. Mentre nessuna provincia dell’Italia centro-meridionale e insulare riesce a sfuggire a un giudizio negativo (qualità della vita scarsa o insufficiente)”, dice il sito online del quotidiano economico.

 

“Pur con tutti i limiti che questo tipo di ricerche può avere è altamente significativo che nelle prime nove posizioni della classifica ci siano nove province del Nordest, con la conferma di Trento, che da quattro anni consecutivi conquista il titolo di regina di questa che con buona ragione può essere definita la più completa indagine che viene realizzata in Italia” Il quotidiano spiega, infatti, che vengono analizzati  94 indicatori, più del doppio di quelli che compongono altre classifiche, ed è costante lo sforzo per aggiornare e migliorare i parametri e i criteri di calcolo.

 

(Foto: il Torinese)