Home » prima pagina » Torino città stupefacente, raddoppia l’uso di cannabis
DATI ALLARMANTI NELL'ANALISI DEL DIPARTIMENTO ANTIDROGA

Torino città stupefacente, raddoppia l’uso di cannabis

di ilTorinese pubblicato giovedì 18 settembre 2014

droga ccE’ da registrare con preoccupazione il fatto che nell’area Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia, circa il 27% degli studenti avrebbe consumato almeno uno stupefacente nell’ultimo anno

 

La relazione in Parlamento del Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio ha rivelato dati allarmanti, L’analisi sul consumo di sostanze stupefacenti ricavata dall’esame delle acque reflue e attraverso altri metodi, nelle principali città italiane, è impietosa nei confronti di Torino.

 

Il consumo di cocaina, sotto la Mole, sarebbe aumentato del 20% e quello di cannabis addirittura del 143%. Torna l’eroina con un +75%, mentre l’ecstasy si ferma a un +40%. Tra l’altro risulta che la nostra città è una delle poche in cui nel 2013 l’uso di droga (a parte le metanfetamine che sono in diminuzione) è cresciuto rispetto all’anno precedente.

 

L’impennata del consumo di cannabis rappresenta il dato più eclatante: i consumatori sarebbero infatti raddoppiati negli ultimi 12 mesi. Il dato statistico parla di 60 dosi al giorno ogni mille abitanti, ovvero 54 mila dosi al giorno complessivamente (5400 per la cocaina e “solo” 2700 per l’eroina). A livello nazionale l’aumento dell’impiego di questa sostanza (+38%) è pur sempre rilevante ma impallidisce rispetto al dato torinese.

 

Lo studio presentato in Parlamento prende anche in esame la realtà scolastica, in relazione al biennio 2013-2014. Anche se in questo ambito i dati sono macroregionali, e non è possibile scorporarli per singole città, è da registrare con allarme il fatto che nell’area Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia, circa il 27% degli studenti avrebbe consumato almeno uno stupefacente nell’ultimo anno.

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE