Home » prima pagina » Mattarella al Salone delle meraviglie: “Più libri, più liberi”
NONOSTANTE IL TAGLIO DEL BUDGET DEL 20% LA KERMESSE DEL LINGOTTO PROPONE UN PROGRAMMA DI QUALITA'. POLEMICI I PICCOLI EDITORI CHE SI LAMENTANO DEL COSTO DEGLI STAND: "TROPPO CARI"

Mattarella al Salone delle meraviglie: “Più libri, più liberi”

di ilTorinese pubblicato giovedì 14 maggio 2015

salone romanzosalone 36E sono circa 500 gli appuntamenti in 10 Circoscrizioni  e in 13 Comuni della citta’ metropolitana per  il Salone Off, manifestazione che porta autori e spettacoli fuori dai padiglioni espositivi

 

Il presidente della repubblica, Sergio Mattarella, ha aperto questa mattina il Salone internazionale del libro. “Mi sembra sempre più giusto associare i libri alla libertà: più libri più liberi. Troppi regimi autoritari hanno fatto roghi di libri per reprimere la libertà e stringere le catene sugli uomini!”. Così il capo dello Stato che ha fatto riferimento alla situazione complessiva del Paese: “In Italia c’è “un eccesso di pessimismo ma il nostro sguardo deve essere rivolto al futuro per consentire una  ripartenza all’Italia”

 

SALONE LIBRO XXIn tempo di crisi le risorse del Salone del Libro di Torino, in programma dal 14 al 18 maggio nei padiglioni del Lingotto, sono state tagliate del 20%. Ma la kermesse culturale  propone una vasta serie di Meraviglie d’Italia, che rappresentano filo conduttore di questa edizione. Non si contano le star della letteratura, soprattutto dalla Germania, Paese ospite d’onore dell’edizione 2015. Ci sarà, alla straordinaria età di  102 anni Boris Pahor, sarà presentato l’inedito di Giorgio Faletti “La Piuma” (Baldini& Castoldi). Ancora, Vanessa Diffenbaugh, Emmanuel Carrere, Roberto Saviano nell’incontro intervista con il giornalista Gunter Wallraff. Qualche polemica da parte dei piccoli editori che si lamentano del costo degli stand: “troppo elevato”, dicono.

 

Tra le iniziative in programma, il Padiglione 1 ospita anche quest’anno Officina – L’Editoria di Progetto, la sezione del Salone curata da Giuseppe Culicchia e dedicata agli editori indipendenti. Per Officina s’intende tutto ciò che concorre alla creazione e alla diffusione del libro in Italia: dagli autori ai lettori passando per editori, traduttori, redattori, librai, distributori. Dopo il successo dello scorso anno, gli editori indipendenti hanno aderito con convinzione. “Il programma – dicono gli organizzatori del Salone – pensato per mettere in risalto la qualità di quel segmento dell’industria editoriale che produce libri con la passione e la sapienza dell’artigiano”. Spazio anche ai giovani, sui temi sociali: “Prendere posizione” contro l’ingiustizia, contro le cose brutte del mondo e anche contro l’ignavia e la passività; quel lasciarsi vivere e trasportare in balìa di modelli di consumo e di comportamento imposti, di cui i giovani d’oggi spesso – a torto o ragione – sono accusati. È questo il filo conduttore del Bookstock Village 2015, la grande area di Librolandia sostenuta dalla Compagnia di San Paolo e dedicata in particolare a bambini e giovani da 0 a 20 anni, ma che rivolge la sua programmazione a tutto il pubblico del Salone.Dopo le precedenti edizioni con la Calabria e il Veneto, Regione Ospite d’Onore è il Lazio. 

 

 

salone 21E sono circa 500 gli appuntamenti in 10 Circoscrizioni  e in 13 Comuni della citta’ metropolitana per  il Salone Off, manifestazione che porta autori e spettacoli fuori dai padiglioni del Lingotto. In programma  incontri con autori, reading, spettacoli teatrali, musica, proiezioni di film, documentari, dialoghi tra scrittori e studenti nelle scuole, scambi di libri, mostre, degustazioni e letture per i piu’ piccoli. Fra gli autori presenti al Salone Off:  Marco Malvaldi, Dario Vergassola, Philippe Daverio, Lars Gustafsson, Gianrico Carofiglio, Isabella Bossi Fedrigotti, Nicola Gratteri, Vittorio Sgarbi, Vittorino Andreoli, Andrea Vitali, Marc Auge’. Il tutto in  250 location: teatri, librerie, ex fabbriche, scuole, circoli, piazze, musei, e ospedali.

 

(Foto: il Torinese)