Home » prima pagina » Torino batte Firenze: ai Musei reali più visitatori che agli Uffizi nella “domenica al museo”
IL POLO MUSEALE TORINESE HA AVUTO MENO VISITE SOLO RISPETTO AL COLOSSEO A POMPEI E ALLA REGGIA DI CASERTA. BOOM DI PUBBLICO ANCHE ALLA VENARIA REALE

Torino batte Firenze: ai Musei reali più visitatori che agli Uffizi nella “domenica al museo”

di ilTorinese pubblicato lunedì 4 aprile 2016

giardini reali2I dati del ministero dei Beni culturali relativi solo a ieri mattina registrano che sono stati 20.566 i visitatori del Colosseo e della relativa area archeologica, 19.051 agli scavi di Pompei, 12.516 alla Reggia di Caserta, 7.570 ai Musei e Giardini Reali di Torino

SABAUDA5

Il pubblico della Reggia di Venaria, anche se non fa parte del circuito dei musei statali per i quali ieri era una domenica di ingresso gratuito (come ogni prima del mese) è stato considerevole: gli ingressi sono stati oltre 7300, molti dei quali per la mostra “Il mondo di Steve McCurry” , di cui parliamo in un altro articolo sul “Torinese”. Insomma, la “primavera” culturale torinese sta dando buoni risultati.

castello armeria realeMa veniamo all’iniziativa delle domeniche gratuite al museo voluta dal ministero dei beni culturali , che nella  prima domenica di primavera ha fatto registrare lunghe code di cittadini e turisti per ammirare i musei torinesi.  Se al primo posto tra i più visitati d’Italia c’è come sempre il Colosseo, va sottolineato che i Musei Reali di Torino ottengono un eccellente riscontro posizionandosi in quarta posizione prima dei  giardini di Boboli e gli  Uffizi di Firenze e sono preceduti solo da Pompei e dalla Reggia di Caserta.


I dati del ministero dei Beni culturali relativi solo a ieri mattina registrano che sono stati 20.566 i visitatori del Colosseo e della relativa area archeologica, 19.051 agli scavi di Pompei, 12.516 alla Reggia di Caserta, 7.570 ai Musei e Giardini Reali di Torino, 5.019 al Giardino di Boboli, 4.383 Villa d’Este, 4.309 a Villa Adriana, 4.052 alla Galleria degli Uffizi.

 

(Foto: il Torinese)