Home » prima pagina » Non solo Bike Pride: sotto la Mole la bici è una filosofia di vita
FESTA ALL'INSEGNA DELLE DUE RUOTE: MA SI RISCHIA L'INGORGO CON I TIFOSI JUVENTINI DELLA CHAMPIONS IN PIAZZA VITTORIO. MIGLIAIA DI CICLISTI IN GIRO PER LA CITTA'

Non solo Bike Pride: sotto la Mole la bici è una filosofia di vita

di ilTorinese pubblicato sabato 6 giugno 2015

bike2Pedalare anziché muoversi in auto. A giudicare dai numeri, pare sia questa la nuova tendenza in città. C’é chi sceglie il modello romantico con cestino in vimini e chi opta per il servizio di bike sharing messo a disposizione dal Comune

 

bikesharing

Nuovo appuntamento per il Bike Pride sotto la Mole, in piazza Vittorio alle ore 15.30. Si rischia un ingorgo con i tifosi della Champions bianconera,(anche se il Comune assicura: “alle 18 i ciclisti avranno già lasciato la piazza”),  ma c’è da giurare che saranno moltissimi i torinesi che prenderanno parte alla  sesta edizione dell’evento promosso dalla Federazione Italiana Amici della Bici (Fiab Bike Pride) e da Verticalife. Bici in giro per la città  sabato e domenica, con una serie di appuntamenti. L’iniziativa, ha il patrocinio del Comune, in occasione di Torino 2015 Capitale dello Sport.

 

Che a Torino le biciclette facciano tendenza, non c’è dubbio. E oggi uno dei comandamenti è: pedalare anziché muoversi in auto. Stando ai numeri, pare sia questa la nuova moda in città.  Negli ultimi  mesi le vendite delle biciclette hanno superato quelle delle auto e sono sempre più numerosi i ciclisti urbani che scorrazzano nei percorsi ciclabili e non solo.  Troppo spesso,  a dire il vero,  anche sotto i portici storici, facendo inviperire i pedoni. Che sia per andare a lavoro, farsi un giro nel tempo libero o in veste di turista, coloro che hanno scelto le due ruote  sono in aumento in ogni fascia d’età. Ma oltre alle vendite schizzate alle stelle nei negozi che propongono l’articolo bicicletta , ormai come un oggetto di design , un must per tutte le stagioni e assolutamente personalizzabile (chi sceglie il modello romantico magari con  cestino in vimini, chi ancora dalle linee super essenziali color argento e chi più ne ha ne metta) , c’è chi opta per il servizio di bike sharing messo a disposizione dalla Città di Torino, il ToBike.  E non è affatto un’utopia il predominio dei ciclisti sulle auto se si guardano le statistiche delle capitali nordeuropee come Amsterdam, ad esempio, percorsa addirittura dalle bike highways, autostrade a due ruote.  Oltretutto il ToBike è un servizio che prevede diverse formule di abbonamento, adattabili a qualsiasi modalità di utilizzo e per il tempo necessario.

 

Per i dettagli ci si può  collegare al sito del Comune di Torino, www.comunetorino.it, o direttamente su www.tobike.it e fare così un veloce calcolo del costo del servizio. E stabilire la formula ottimale per abbonarsi.  La bicicletta esercita da sempre un grande fascino sui torinesi. Basti ricordare che, proprio sotto la Mole, nel lontano 1931,  da una idea di Giacinto Benotto, giovane ciclista di 24 anni, nacque l’omonima fabbrica di bici la cui  produzione raggiunse le 500 biciclette al giorno: cifra  record per gli anni  ’30. La Benotto vinse 11 campionati mondiali. Attualmente, come purtroppo capita spesso alle eccellenze subalpine che emigrano all’estero,  l’azienda continua a produrre  in Sudamerica e vanta un catalogo di quasi 100 modelli di biciclette per tutte le età. Ma torniamo al presente e alla nostra città.

 

Per i torinesi dunque è tempo di abbandonare i problemi legati al traffico e parcheggio e riscoprire i vantaggi di una città sempre più bike-friendly,  grazie anche alle numerose piazze e vie dello shopping pedonalizzate e rese itineranti anche per i cicloturisti stranieri. Questa forma di spostamento urbano è ricca di vantaggi in termini economici  per il risparmio di denaro e di tempo, ed è tutto un guadagno in termini di comodità e salute. Non solo si contribuisce a preservare l’ambiente ma è pure tanto divertente.

 

Clelia Ventimiglia

(Foto: il Torinese)