Home » Brevi di cronaca » Timori per la meningite, ma non era contagiosa
A CASALE MONFERRATO IL PRIMO CASO DELL'ANNO IN PIEMONTE

Timori per la meningite, ma non era contagiosa

di ilTorinese pubblicato venerdì 6 gennaio 2017

sanitaE’ casalese il primo caso di meningite dell’anno in Piemonte. Si tratta di una donna che è giunta all’ospedale Santo Spirito martedì ed è stata poi ricoverata al nosocomio di Alessandria. E, fortunatamente, è stata una forma non contagiosa e non meningite derivante da un ceppo infettivo come si è premurata immediatamente di fare sapere l’azienda ospedaliera alessadrina e hanno Subito riportato gli organi di informazione. A Casale, però, la voce si era sparsa nella stessa serata di martedì, addirittura vi era chi parlava di uno sgombero del pronto pronto-soccorso- soccorsisoccorso del Santo Spirito. Ma, sia sul web (la notizia del caso era stata riportata in un gruppo Facebook e subito rimossa) sia nelle varie reti social di comunicazione è arrivata subito la conferma che si trattava di un caso non contagioso e pertanto sono stati evitati allarmismi inutili. Questo, però, non ha impedito che gli operatori del pronto soccorso casalese abbiano dovuto rispondere a diverse telefonate. Vittorio Demicheli, della Direzione regionale della sanità getta acqua sul fuoco: “In Piemonte nel 2016 abbiamo registrato nove casi di meningite contagiosa da meningococco e rileviamo un trend in regressione. La media, per la forma non contagiosa, è di 200 casi all’anno. Cominciamo, dunque, a vedere gli effetti delle vaccinazioni”. Asl ed Asl Al, nel confermare, in linea con il ministero della salute che “al momento non esiste alcuna situazione epidemica” sottolineano che la circolazione dei germi che causano la malattia è nella norma, in linea con i numeri degli ultimi anni.

Massimo Iaretti