Home » Brevi di cronaca » Thyssen, la Cassazione: “Colpa imponente dei manager”
LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA

Thyssen, la Cassazione: “Colpa imponente dei manager”

di ilTorinese pubblicato lunedì 12 dicembre 2016

corte_di_cassazione_Secondo la Cassazione è stata una “colpa imponente” quella dell’ex Ad della Thyssen Harald Espenhahn: egli insieme ad altri cinque manager del gruppo industriale ha provocato, per la totale e consapevole mancanza di adeguate misure di sicurezza, il rogo della fabbrica torinese nella notte tra il 5 e il 6 dicembre del thyssen-preteroti2007 in cui morirono sette operai. E’ scritto nelle motivazioni del verdetto del 13 maggio a conferma delle pene lievemente ridotte nell’ appello bis.  La Suprema Corte ritiene che la colpa dell’ex ad e degli altri dirigenti, è “imponente” sia  per la consapevolezza che gli imputati avevano maturato del tragico evento prima che poi ebbe a realizzarsi, sia “per la pluralità e per la reiterazione delle condotte antidoverose riferite a ciascuno di essi” che, sinergicamente, avevano confluito nel determinare all’interno dello stabilimento “una situazione di attuale e latente pericolo per la vita e per la integrità fisica dei lavoratori”.