Home » CULTURA E SPETTACOLI » This is evolution: Overtake Studio
UNA NUOVA ECCELLENZA TORINESE PER UN ABBIGLIAMENTO NUOVAMENTE CLASSICO

This is evolution: Overtake Studio

di ilTorinese pubblicato giovedì 25 settembre 2014

overtakeTorino si dimostra ancora una volta un’incubatrice di giovani talenti. Ieri sera siamo stati alla prima delle tre serate di presentazione di questa nuova e promettente realtà del mondo della moda maschile. Il brand OVERTAKE STUDIO lancia la sua nuova capsule collection “OVERTAKE SKIN” in tre appuntamenti su invito (ieri, oggi 25 settembre e domani 26 settembre), presso lo showroom di via Mantova 36

 

 

OVERTAKE STUDIO nasce nel 2013 dall’idea di tre fashion designers coetani, classe 1991, e compagni di studio: Francesco Mocchia di Coggiola, Ilaria Turchetti e Giulia Nepote ed è proprio con Giulia che abbiamo fatto una chiacchierata. E’ una ragazza giovane, spigliata, entusiasta e con le idee ben chiare sul suo brand ed è con estrema semplicità che ci trasmette i valori del marchio e della collezione.

 

L’idea è quella di creare qualcosa di nuovamente classico: innovativo ma anche classico ed elegante. Capi di abbigliamento che risolvano problemi effettivi, andando incontro alle esigenze di movimento che l’abbigliamento non dovrebbe ostacolare. OVERTAKE STUDIO si rivolge ad un uomo dinamico, cosmopolita, indipendente, di età media compresa tra i 30 e i 55 anni, che non vuole rinunciare alla comodità ma desidera essere elegante. Si predilige una linea di alta gamma, interamente disegnata e prodotta a mano dai designers. Il rapporto diretto con il cliente è uno dei punti fondamentali della filosofia del brand che vuole personalizzare il più possibile ogni creazione, per garantire un risultato di sempre maggiore comfort e vestibilità. Il desiderio è di proporre uno stile esclusivo e raffinato dedicato a tutti gli uomini che amano distinguersi e che hanno alla base della propria cultura l’attenzione per i dettagli. Quando chiediamo a Giulia il perché della scelta di rivolgersi solamente ad un pubblico maschile ci risponde che alla base di questa volontà c’è prima di tutto la passione per la moda uomo e poi una serie di ragioni pratiche. E’ infatti un approccio all’acquisto molto maschile quello di ricercare e preferire capi innovativi, su misura, frutto di numerose ricerche sia nella scelta dei materiali, sia sul lavoro di sartoria, anche se un po’ più costosi.

 

L’esposizione è ridotta al minimo con protagonisti i tre capi must della moda uomo: un pantalone, una giacca e un cappotto con l’aggiunta di un vezzo di altri tempi che viene riproposto come accessorio moderno, pratico, funzionale: i gambali.  Ed è osservando questi abiti che, sempre accompagnati da Giulia, commentiamo la collezione. OVERTAKE SKIN nasce dall’idea di unire all’eleganza dell’abito maschile classico la tecnicità di nuovi materiali e la ricerca di una sempre maggiore vestibilità. Esempio eclatante è la SKIN JACKET. La giacca diventa estensione del corpo, ne accompagna il movimento in ogni sforzo quotidiano, senza più costringerlo. Ogni punto di giuntura o articolazione nasconde ulteriori aree di tessuto che si liberano grazie ad un sistema a zip invisibile, garantendo un’ottima vestibilità. Andare in bicicletta è semplice e agevole, l’abbigliamento non è più un impedimento e, anzi, diventa parte integrante del nostro corpo e anche della nostra sicurezza, grazie alle inserzioni nascoste di tessuti catarifrangenti che facilitano gli spostamenti notturni. La ricerca della vestibilità e della praticità hanno un ruolo di primo piano in queste creazioni. Anche i dettagli del cappotto ci colpiscono molto: a partire dalla scelta di un tessuto gommato antipioggia e antivento ma traspirante, per arrivare al gancio antisvolazzamento da utilizzare quando ci si sposta su un mezzo a due ruote.

 

Ci troviamo poi a parlare di Torino e della scelta di questa città dove hanno le radici tutti e tre i designers. Torino vanta già alcuni importanti nomi in questo settore e chiedendo a Giulia se c’è un marchio in particolare che ammira, segue e prende come modello è immancabile il riferimento a Ombra di Foglia di Elena Pignata il cui show room, caso vuole, si trova veramente a pochi passi da questa loro sede temporanea.

 

Prima di salutare Giulia, le chiediamo di definire OVERTAKE STUDIO e ci risponde: performante, nuovamente classico, ricerca ed espressione.

 

Un grande in bocca al lupo quindi al team di questo nuovo brand di eccellenza e ricerca e, per chi volesse conoscere da vicino questa realtà, suggeriamo di prendere un appuntamento presso lo studio & atelier di Piazza Statuto 3.

 

Elisa Bernardi

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE