Home » prima pagina » The day after: sciopero riuscito, ma che incubo per i torinesi
INGORGHI E CODE INTERMINABILI IN TUTTA LA CITTA'. METROPOLITANA BLOCCATA E ADESIONE ALLA SERRATA DA PARTE DEL 65% DEI LAVORATORI GTT

The day after: sciopero riuscito, ma che incubo per i torinesi

di ilTorinese pubblicato sabato 13 dicembre 2014

sciopero cgil3

traffico centroUna quarantina i voli sospesi a Caselle (oltre a quelli cancellati per sempre da Alitalia). Ma il top si è registrato in metropolitana dove nessuno dei 70 dipendenti si è presentato a lavorare

 

Sarà anche il simbolo del lavoro e della crisi, come dice la leader Cgil Susanna Camusso, che ieri ha guidato lo sciopero in città, ma Torino nella serrata generale di ieri ha vissuto un vero e proprio incubo. Lo sciopero è riuscito, non c’è che dire. Il 65% dei lavoratori Gtt vi ha aderito e l’80% dei mezzi di trasporto è rimasto fermo. Una quarantina i voli cancellati a Caselle (oltre a quelli cancellati per sempre da Alitalia). Ma il top si è registrato in metropolitana dove nessuno dei 70 dipendenti si è presentato a lavorare. In alcuni casi le scale mobili delle fermate funzionavano traendo in inganno i passeggeri che, una volta scesi, trovavano i cancelli del metrò chiusi.

 

Le code per le vie del centro sono state interminabili fino alle 21. Automobili parcheggiate ovunque – anche in mezzo alla carreggiata, complice il caos aggiuntivo degli acquisti di natale – e ingorghi in tutta la città. Il bilancio della manifestazione di ieri, indetta da Cgil e Uil è positivo per gli organizzatori: al corteo hanno preso parte 30mila persone secondo la questura e addirittura 50mila secondo i sindacati. Peccato la sbavatura dovuta a studenti e antagonisti che hanno lanciato sassi alle forze dell’ordine. Nove esagitati sono stati fermati dalla polizia.

 

(Foto: il Torinese)