Home » LIFESTYLE » Tex Willer, 70 anni d’avventure a fumetti
Una mostra toccherà le principali librerie Feltrinelli della penisola. A Torino in dicembre

Tex Willer, 70 anni d’avventure a fumetti

di ilTorinese pubblicato martedì 25 settembre 2018

Settant’anni fa usciva in formato a strisce nelle edicole il primo numero di Tex, il più longevo protagonista del fumetto italiano. Era giovedì 30 settembre 1948 e con “Il totem misterioso” iniziava la leggenda del personaggio ideato da Gianluigi Bonelli e disegnato da Aurelio Galleppini, in arte Galep

Da allora e nel corso di tutto questo tempo le gesta di Tex Willer hanno conquistato intere generazioni, entrando a far parte delle nostre abituali letture. Tex è sempre stato un eroe atipico, un fenomeno di costume che ha saputo anticipare i tempi nel  genere western. Amico e protettore degli indiani d’America, deciso nel combattere le ingiustizie da qualunque parte vengano, non fa sconti e non guarda il colore della pelle. Per gli indiani Navajos è Aquila della Notte che, dopo aver sposato Lilith, figlia del sakem della tribù Freccia Rossa, è diventato il loro capo. Rispetta e difende i pellerossa dai trafficanti d’armi o d’alcol, avventurieri e militari senza scrupoli che pensano che “l’unico indiano buono è un indiano morto“.Per i bianchi è un ranger dalla mira infallibile mentre per i fuorilegge che hanno la sventura di incrociare la sua pista tra le immense praterie, i deserti dell’Arizona e le foreste del Grande Nord rappresenta il peggiore degli incubi. E’ un uomo di legge che, pur usando dei metodi sbrigativi nel combattere fuorilegge, proprietari terrieri senza scrupoli, politicanti corrotti, indiani in rivolta, riesce a distinguere ciò che è giusto e se proprio deve uccidere lo fa solo per legittima difesa. Il suo profilo di difensore dei deboli e degli oppressi, marcatamente antirazzista, ha dello straordinario se si pensa all’epoca in cui è nato. Ed è anche per questo che Tex è un personaggio decisamente umano. La sua immagine, precisa e forte, lo presenta quasi sempre con gli stessi capi d’abbigliamento: un cappello tipoStetson, camicia gialla e fazzoletto nero annodato al collo, pantaloni stile jeans, un paio di stivali con speroni e, alla vita, l’immancabile cinturone con le pistole. Sul suo personaggio si sono scritti fiumi di parole, a testimonianza dell’interesse e dell’originalità di questo “raddrizzatore di torti”. Nelle sue imprese non è mai solo e può contare sull’aiuto dei suoi “pards”: il non più giovane  e burbero Kit Carson , il navajo Tiger Jack e il figlio Kit, in tutto e per tutto simile al padre. E può contare anche sui fedeli lettori che di mese in mese attendono con ansia le sue nuove avventure. Sergio Bonelli Editore lo celebrerà con una grande mostra intitolata “Tex. 70 anni di un mito”  al Museo della Permanente di Milano  che sarà aperta dal prossimo 2 ottobre fino al 27 gennaio 2019. Tra i tanti appuntamenti con Tex va segnalata anche la mostra itinerante gratuita, omonima di quella che si tiene a Milano, che toccherà le principali librerie Feltrinelli della penisola. Partita il 7 settembre dalla Galleria Alberto Sordi di Roma, l’esposizione si compone di venti pannelli che presentano alcune delle pagine storiche della vita editoriale del celebre ranger, permettendo così agli appassionati di approfondire alcune delle sue avventure più celebri. E tra le città che l’ospiterà ci sarà in dicembre anche Torino, alla “Feltrinelli” della stazione di Porta Nuova.

Marco Travaglini

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE