Home » TRIBUNA » Teatro dentro e fuori dal carcere
INIZIATIVA DEL GARANTE

Teatro dentro e fuori dal carcere

di ilTorinese pubblicato martedì 4 aprile 2017

Un teatro che è occasione rieducativa, pensato come una necessità per chi lo fa, ma che è ben presto stato apprezzato anche dal pubblico

Si tratta dello spettacolo L’infanzia dell’alta sicurezza, realizzato dal regista Mimmo Sorrentino e da Teatroincontro, che vede protagoniste sulla scena otto detenute del carcere di Vigevano, condannate per reati associativi. Il progetto di teatro partecipato è cominciato come laboratorio due anni fa, ma è ben presto diventato un evento apprezzato anche fuori dal carcere. Grazie all’iniziativa del Teatro stabile di Torino – Teatro nazionale, la pièce è stata inserita nel cartellone della stagione teatrale ed è in scena da oggi, 4 aprile, fino al 9 aprile al teatro Gobetti di Torino. Un’iniziativa presentata a Palazzo Lascaris con una conferenza stampa organizzata da Bruno Mellano, garante regionale dei detenuti.

“È significativo che alle detenute impegnate nello spettacolo sia stato concesso dal magistrato di sorveglianza un permesso di “necessità con scorta”, ha dichiarato Mellano, “che viene concesso eccezionalmente per motivi di particolare gravità, come l’imminente pericolo di vita o la morte di un parente. Si tratta di un precedente interessante, perché stabilire che il teatro, per delle persone recluse, non sia solo utile ma necessario significa attribuire alla detenzione i fini rieducativi sanciti dall’articolo 27 della nostra Costituzione. In questo senso il teatro si dimostra uno strumento per un nuovo modo di comunicare, in grado di scardinare vecchi schematismi all’interno del carcere”.

Alla conferenza stampa era presente anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Nino Boeti, che, ricordando la sua esperienza di medico ortopedico della squadra di rubgy della casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, ha messo in luce come l’attività sportiva e quella teatrale siano due strade per la rieducazione e il recupero in carcere, affinché alla comunità siano restituiti uomini e donne diverse.