Home » Brevi di cronaca » Taxi rifiuta cieco con cane guida
LA LEGGE PREVEDE CHE I NON VEDENTI ACCOMPAGNATI DA CANI DEBBANO SALIRE SU OGNI MEZZO

Taxi rifiuta cieco con cane guida

di ilTorinese pubblicato venerdì 14 luglio 2017

Un tassista di Torino non ha preso  a bordo della sua vettura un uomo cieco con cane guida: avrebbe detto di essere allergico al pelo del quadrupede.  La denuncia di quella che viene definita una “inaccettabile discriminazione”  dell’Uici – Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti  riguarda l’episodio di cui è stato protagonista l’impiegato di un ospedale torinese, non vedente, di 48 anni. Accompagnato dal suo fedele labrador nero , una volta ottenuto il rifiuto ha dovuto  chiamare la centrale chiedendo un nuovo taxi. Una legge del 1974 e aggiornata nel 2006 prevede che le persone priva della vista abbiano  il diritto di farsi accompagnare dal proprio cane guida su ogni mezzo di trasporto.

 

(foto: il Torinese)