Home » prima pagina » Taxi in guerra con Uber ma rientra il boicottaggio dell’Ostensione
UNA DELEGAZIONE E' STATA RICEVUTA DAL SINDACO FASSINO. "BISOGNA BLOCCARE CHI SVOLGE ATTIVITA' ILLEGALE". TENSIONE ALLE STELLE

Taxi in guerra con Uber ma rientra il boicottaggio dell’Ostensione

di ilTorinese pubblicato martedì 14 aprile 2015

taxi xx

taxi6taxi2Venti  tassisti si sono incatenati davanti al monumento del Conte Verde

 

 AGGIORNAMENTO Il sindaco Fassino ha promesso ai tassisti maggiori controlli sui “concorrenti” di Uber. Tanto è bastato per far sospendere il boicottaggio dell’Ostensione della Sindone, minacciato dalle auto bianche.

 

La guerra tra tassisti e Uber assume toni sempre più duri. I titolari delle licenze taxi hanno protestato davanti al Comune di Torino, occupando piazza Palazzo di Città con i propri mezzi, Venti  tassisti si sono incatenati davanti al monumento del Conte Verde. I proprietari delle “auto bianche”, circa 1500 a Torino, chiedono all’amministrazione civica di intervenire per fermare – dichiarano all’Ansa – “chi non è legale”. E arriva la minaccia più eclatante: bloccare l’Ostensione “se non verrà sospesa la app di Ube”. Il sindaco Piero Fassino, ha ricevuto una delegazione per tentare una mediazione.

 

(Foto: il Torinese)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE