Home » POLITICA » TAV, Tronzano (FI): “No alla demagogia. La Torino-Lione sarà opportunità di crescita per il Piemonte”
L'INTERVISTA

TAV, Tronzano (FI): “No alla demagogia. La Torino-Lione sarà opportunità di crescita per il Piemonte”

di ilTorinese pubblicato martedì 31 luglio 2018
Sulla questione Torino-Lione abbiamo intervistato il vicecapogruppo di Forza Italia a Palazzo Lascaris, Andrea Tronzano. 
Gli Industriali torinesi hanno chiamato a raccolta tutte le forze pro-Tav. Che ne pensa?
Il Piemonte non può rischiare di essere tagliato fuori dall’Europa e il collegamento Tav  è una delle risposte per contrastare l’isolamento e il declino. Bene hanno fatto gli industriali  e con loro tutte le realtà produttive, sociali e politiche che da tempo sostengono la realizzazione dell’opera a schierarsi senza se e senza ma. Se vogliamo uscire dalla crisi dobbiamo creare le condizioni di crescita dell’economia e del lavoro, e la tav è’ una priorità per evitare l’impoverimento del Piemonte. Non è’ tempo di decrescite più o meno felici, bisogna puntare allo sviluppo.
Perché i pentastellati, oggi anche forti del loro ruolo al governo, si ostinano nel voler bloccare l’opera?
Mi sembra che la battaglia assurda e pericolosa di Di Maio e  Toninelli  sia demagogia allo stato puro. Se per dare un contentino al mondo grillino pensano di danneggiare Torino e il Piemonte, allora le loro azioni sono da irresponsabili. Ora che sono al governo devono occuparsi del bene di tutti, non solo dei loro sostenitori. Non pensano allo spreco delle risorse fino ad oggi impiegate, alle possibili sanzioni e al blocco di altri progetti futuri che potrebbe giungere dall’Unione europea? Al danno di non vedere compiuta un’opera necessaria, si aggiungerebbe una costosa beffa. Alla fine credo che la spinta che verrà dalla maggioranza della società piemontese li farà ravvedere.
E’ favorevole al referendum sulla Torino-Lione?
Non sarebbe necessario perché l’opera è già stata decisa e avviata, con  tutte le valutazioni, ricerche e autorizzazioni del caso.  Quel che è certo è che – referendum o meno – noi di Forza Italia non molleremo, in tutte le sedi, a sostegno di un’infrastruttura in cui crediamo fermamente.