Home » POLITICA » TAV, RADICALI ITALIANI: “TROPPO DEBOLE IL SOSTEGNO A SERGIO CHIAMPARINO”
"OCCORRE CREARE SUBITO UNA COALIZIONE #SITAV E #NOTIR"

TAV, RADICALI ITALIANI: “TROPPO DEBOLE IL SOSTEGNO A SERGIO CHIAMPARINO”

di ilTorinese pubblicato martedì 7 agosto 2018
Boni: “Una grande manifestazione a settembre a Torino per far vedere che C’E’ CHI DICE SI!”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Sono quasi 20 anni che discutiamo di TAV e ogni volta si ricomincia dall’inizio, anche quando si sta già scavando. Sembra incredibile ma sta accadendo. Dopo che l’Osservatorio  in questi lunghi anni ha promosso uno dei più grandi processi garantisti per la costruzione di una infrastruttura in Italia, coinvolgendo tutti i soggetti che hanno accettato di dare un contributo; dopo le modifiche del tracciato per andare incontro alle esigenze dei territori, dopo 7 (sette!) analisi costi-benefici realizzati da organismi indipendenti, oggi un Ministro della Repubblica ci riporta alla casella di partenza come in un tragico gioco dell’oca, strumentale e ridicolo. Sergio Chiamparino si è messo alla guida di chi, con ragionevolezza e tenacia, ripete cosa dovrebbe essere evidente a tutti ma non a chi ci governa. La TAV rappresenta uno strumento per il Piemonte, per il Nord-Ovest di rimanere agganciato all’Europa ed è chiaro che rinunciare al progetto va incontro a chi continua nella politica di chiudersi su se stessi, dentro i propri confini, dentro le proprie illusioni. La TAV era un’occasione da non perdere, oggi con il 10% delle gallerie scavate abbandonare il progetto è politicamente criminale. La TAV significa sviluppare il trasporto su ferro e ridurre finalmente il trasposto su gomma, uno dei principali responsabili dell’inquinamento. Oggi la TAV ha lo stesso significato che nel 1871 ebbe la costruzione del Fréjus, un’opera che ha un orizzonte di un secolo, non di qualche anno.Sarebbe bello, opportuno, necessario, che il PD e le altre forze politiche che si oppongono a questo governo diano man forte al presidente Chiamparino, perché mi pare invece che vi sia troppa titubanza, troppa attesa, troppi dubbi. Credo che a settembre, a Torino, sia necessario manifestare in massa per far vedere che C’è chi dice SI!
 Igor Boni (Direzione nazionale Radicali Italiani)