Home » prima pagina » Chiamparino: “Renzi venga a visitare il cantiere della Torino-Lione”
IL GOVERNATORE: "DIETRO A POLENTATE E BANDE DI PAESE SI COMPIONO AZIONI DI GUERRIGLIA INAMMISSIBILI. BASTA BUONISMI"

Chiamparino: “Renzi venga a visitare il cantiere della Torino-Lione”

di ilTorinese pubblicato venerdì 25 luglio 2014

no tav notteDurante la protesta è stata interrotta anche l’autostrada del Fréjus e il sito internet del movimento parla di una  “grande nottata di lotta”

La condanna nei confronti delle azioni di guerriglia condotte dal movimento No Tav al cantiere di Chiomonte nella notte di giovedì (è stato anche ferito un poliziotto) è unanime. Ad incominciare dal ministro per le infrastrutture, Maurizio Lupi.

 

Ma le parole più dure nel confronto degli attivisti che contrastano l’opera vengono dal presidente della Regione, Sergio Chiamparino. Il governatore dice, in sostanza: “basta buonismi, dietro a polentate e bande di paese si compiono azioni di guerriglia che sono inammissibili”.

 

E, attraverso un’intervista al Sole 24 Ore, lancia una proposta:”il premier Matteo Renzi, per dare un segnale forte della convinzione del Governo nei confronti della linea ferroviaria, venga a visitare il cantiere della Torino-Lione, così come ha fatto per altre grandi opere in giro per l’italia”.

 


Che il clima fosse tornato esasperato lo si era visto nei giorni scorsi, quando alcune decine di attivisti avevano urlato slogan nella notte davanti all’hotel Napoleon di Susa che ospita le forze dell’ordine a presidio del cantiere Tav.


Una manifestazione che aveva suscitato polemiche anche per la presenza del sindaco Sandro Plano, accusato dalla titolare dell’albergo di aver preso parte a quell’adunata contro la polizia e lo Stato.



E la protesta non si è fermata lì. Nella notte gli attivisti contari alla Torino-Lione hanno di nuovo preso di mira il cantiere di Chiomonte. Per ore il sito è stato oggetto di lanci di petardi, bombe carta e fuochi d’artificio. Le forze dell’ordine hanno risposto lanciando decine dì lacrimogeni.

Sembra lo stesso copione dell’assedio al cantiere di un anno fa, che ha dato il via al processo contro gli attivisti No Tav che si sta celebrando al Palagiustizia in queste settimane.


E’ stata interrotta anche l’autostrada del Fréjus e il sito internet del movimento parla di una  “grande nottata di lotta”. Dure le parole del parlamentare Pd Stefano Esposito che ha dichiarato all’Ansa: “il solito triste copione” scritto da “teppisti, anarchici e autonomi, italiani ed europei”.

Anche il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha usato toni forti: “siamo davanti ad eventi criminali compiuti da persone, alcuni vengono anche dall’estero, che vogliono utilizzare un’opera per attaccare lo Stato. Non avranno alcuno spazio”.