Home » CULTURA E SPETTACOLI » Syntax Reflux
L’ "HARD EDGE PAINTING" DI ERIC SHAW ALLA "PRIVATEVIEW GALLERY" DI TORINO

Syntax Reflux

di ilTorinese pubblicato giovedì 20 aprile 2017

Ancora una prima europea alla “Privateview Gallery”, magistralmente diretta (in via Goito 16, a Torino) da Silvia Borella e Mauro Piredda. Dopo l’ospitata, nel gennaio scorso, del “Solo Show” di Ted Larsen – fra i massimi esponenti del moderno Minimalismo americano – la Galleria di San Salvario dedica oggi, e fino al 13 maggio, una personale davvero suggestiva (per qualità non meno che per intrigante forza attrattiva) ad Eric Shaw. Anche lui americano del Connecticut, ma operante a Brooklyn (NY), classe ’83, Shaw è infatti –come Larsen- alla sua prima esposizione europea, con una mostra, curata da Domenico De Chirico, dal criptico titolo di “SyntaxReflux”. “Criptico”, ma neanche troppo, se si pensa che nei quadri presentati in mostra -quasi tutti di grandi dimensioni- Eric intende trasmettere, attraverso un forte senso delle forme, “forme nelle forme”, abilmente giocate in solide, rigorose quasi scientifiche geometrie, una singolare ricerca stilistica che è per lui nuova sintassi-Sintax e “lingua specifica”, la sua e “solo” sua, fatta dal ripetersi maniacale di gesti carambolati sulla tela, in virtù di tecniche e processi assolutamente singolari legati alle magie della multimedialità e attingendo da realtà esterne-Reflux, di comune quotidianità: cose, oggetti, persone, architetture urbane, segnaletica stradale o pubblicitaria, immagini che si fanno concetti mentali, ma anche emozioni istinto empatia o sgarbi per l’occhio e per l’anima su cui val la pena fissare racconti di potente impatto cromatico. E c’è anche Torino (e perfino frammenti di Langa) nelle opere del giovane Shaw. La città va cercata – raccontano in Galleria- con occhio attento, ma c’è. E dalla tela ne emergono atmosfere e particolari (i ponti, lo scorrere del fiume) inaspettatamente decodificabili. Le opere, una decina in tutto, sono state infatti realizzate “site-specific” per la Galleria di San Salvario, durante un recente soggiorno dell’artista sotto la Mole. Soggiorno che certamente è servito a regalargli spunti tematici particolarmente utili e nuovi nel solco di quell’ “Hard edge painting” (“pittura a contrasti netti”) che fonda le sue radici negli Anni ’60 in forte reazione al dilagare dell’espressionismo astratto e dell’action painting e che Shaw ha fatto sua seguendo percorsi al passo coi tempi privilegiando l’assoluta “visività” alla mera “espressività”, attraverso un astrattismo “prodotto di un articolato procedimento pittorico che avanza su susseguenti gradi di stratificazione di forme e colori”. Punto di partenza è uno schizzo, realizzato con i tools di editing dello smartphone, che Shaw riporta sulla tela dipingendo a mano con l’uso di pittura vinilica e acrilica. Quotidianamente poi fotografa il lavoro svolto e ridisegna sull’immagine digitale acquisita, riportando quindi sulla tela le sagome inserite e, ripetendo più volte quest’operazione (che alterna passaggi di tecnica analogica con quella digitale), così da creare un’ingegnosa, impattante stratificazione di figure.“Il risultato è un intricato sistema di codici rappresentati da forme che, sebbene piatte e bidimensionali, rendono un sorprendente effetto di profondità, amplificato ulteriormente dal contrasto delle sagome sovrapposte e dei colori complementari”. Il tutto in certosini giochi astratti di elementare essenzialità o di più complessa strutturazione, come nella laboriosa e fitta all’inverosimile “Cornucopia” o in quell’“Ebb and Flow” (Flusso e Riflusso), omaggio forse all’omonimo brano dei Pink Floyd, dove il “fiume che corre senza fine” (“The Endless River”) è quello della musica, di una vita in note che continua oltre le leggi della vita. E, per Eric Shaw, della voglia incontenibile di fare arte. Comunque ovunque sempre. Le sue prossime personali sono già programmate a Sao Paulo in Brasile e a Tel Aviv, “capitali in grande fermento artistico– sottolinea Silvia Borella – nuovi riferimenti dell’arte contemporanea e del panorama culturale su scala mondiale”.

Gianni Milani

***

“SintaxReflux”

“Privateview Gallery”, via Goito 16, Torino; tel. 011/6686878 – www.privateviewgallery.com

Fino al 13 maggio

Orari: mart. – sab. 15/19; al mattino su appuntamento


Nelle immagini:

I) Eric Shaw in studio

II)”Cornucopia”, acrilico su tela, 2017

III) “Ebb and Flow”, acrilico su tela, 2017
IV) Interno Galleria