Home » prima pagina » Susanna la rossa in piazza contro il Jobs Act e il rischio licenziamenti
NOVE TRA ANTAGONISTI E STUDENTI FERMATI DALLA POLIZIA PER TAFFERUGLI. MIGLIAIA DI PERSONE ALLA MANIFESTAZIONE TORINESE DI CGIL E UIL

Susanna la rossa in piazza contro il Jobs Act e il rischio licenziamenti

di ilTorinese pubblicato venerdì 12 dicembre 2014

 

La prossima primavera, con la fine della cassa integrazione rischiano di finire sulla strada 30mila lavoratori

 

sciopero cgil 2“E’ bene che ci sia rispetto reciproco tra governo e sindacati e che non ci siano esasperazioni come quella di cui oggi abbiamo il segno. Non fa bene al Paese”. Così il presidente Giorgio Napolitano ai giornalisti, prima di lasciare Torino alla fine della sua visita, in riferimento allo sciopero e alle manifestazioni dei sindacati. Cgil e Uil sono infatti scesi in piazza anche a Torino contro il il Jobs Act e la legge di Stabilità del governo. Il corteo era guidato dalla leader sindacale Susanna Camusso e da Alberto Tomasso, segretario regionale Cgil con il suo collega Gianni Cortese della Uil Piemonte. L’allarme – come ha già scritto il Torinese – riguarda anche la nostra regione dove, la prossima primavera, con la fine della cassa integrazione rischiano di finire sulla strada 30mila lavoratori. sciopero cgil1

 

Il corteo di 50mila manifestanti secondo i sindacati e di 30mila secondo le forze dell’ordine è partito da piazza Vittorio per terminare in piazza San Carlo, dove con Camusso e Cortese hanno parlato dal palco cinque lavoratori e un pensionato. “E’ una scelta del governo se continuare a provare a innescare il conflitto oppure se scegliere di discutere. Deve essere chiaro che noi non ci fermiamo, continueremo a contrastare le scelte sbagliate per avere una prospettiva di lavoro in questo Paese” ha dichiarato Susanna Camusso ai giornalisti, avvolta in un cappotto rosso. E ancora: “Abbiamo dinanzi a noi un tempo della discussione della legge di stabilità in cui ci sono cose importanti, a partire dalle risorse per gli ammortizzatori sociali, ai patronati, alle scelte sul lavoro pubblico e la conferma dei precari oltre al tema delle province fino alla stesura dei decreti che applicano la riforma del lavoro.  L’emergenza che ha questo paese si chiama lavoro, bisogna fare politiche perchè il lavoro ci sia ma non può essere un lavoro qualunque, senza diritti e senza professionalità. Il messaggio per cambiare l’Italia è sciopero cgil3proprio quello di un Paese che investe sul lavoro e sulla sua qualità”.

 

La manifestazione sotto la Mole s’ è tenuta in concomitanza con lo sciopero generale indetto da Cgil e Uil. All’altezza del Rondò della forca, in corso Regina ci sono stati scontri tra la polizia e un gruppo di studenti e antagonisti. Nove di loro sono stati fermati.

 

(Foto: il Torinese)