Home » prima pagina » Superfarmaco per l’epatite C, Guariniello accusa: “Omissione di cure e lesioni colpose”
IL PM TORINESE HA FORMULATO LE ACCUSE A CARICO DI IGNOTI NEL FASCICOLO APERTO IL MESE SCORSO SUI COSTI SOSTENUTI DALLA REGIONE PIEMONTE IN RELAZIONE AL NUOVO MEDICINALE

Superfarmaco per l’epatite C, Guariniello accusa: “Omissione di cure e lesioni colpose”

di ilTorinese pubblicato sabato 16 maggio 2015

fegato EPATITE

La differenza  tra Sofosbuvir ed altri medicinali usati per eliminare l’epatite C è che agisce direttamente contro il virus, bloccandone il processo di duplicazione

 

Il pm torinese Raffaele Guariniello ha formulato le accuse di omissione di cure e lesioni colpose a carico di ignoti, nel fascicolo aperto il mese scorso sui costi sostenuti dalla Regione Piemonte per il  cosiddetto ‘superfarmaco’ Sofosbuvir che cura l’epatite C. La differenza  tra Sofosbuvir ed altri medicinali usati per eliminare l’epatite C (Peg-IFN e ribavirina) è che agisce direttamente contro il virus, bloccandone il processo di duplicazione. L’interferone stimola invece la risposta del sistema immunitario contro il virus, mentre  la ribavirina interferisce in modo indiretto sulla replicazione. L’assunzione combinata dei vari  farmaci incrementa la possibilità di debellare in maniera definitiva del virus. Il nuovo ritrovato medico è alla base di un trattamento che costa molto caro: quasi 40mila euro, per il quale le Regioni non avrebbero ricevuto aiuto dallo Stato. Nella nostra regione i casi di epatite C sono circa 2mila. “Le notizie diffuse in queste ore sul prezzo del ‘superfarmaco’ (Sofosbuvir) che cura l’epatite C “sono largamente imprecise”. Così, nel frattempo, l’Ansa riporta le dichiarazioni dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) che per il farmaco Sovaldi ha “concluso un accordo negoziale a un prezzo medio di gran lunga più basso di tutta l’Europa. I pazienti attualmente registrati in trattamento con questo farmaco sono oltre 7.000 anche se permangano preoccupanti variabilità regionali”.