Home » Cosa succede in città » No al Suk alle ex Ogm: mozione di sfiducia in Sala Rossa
LOTTA AL DEGRADO

No al Suk alle ex Ogm: mozione di sfiducia in Sala Rossa

di ilTorinese pubblicato lunedì 9 marzo 2015

porta palazzo 23

MARRONE-ALESSI (FDI-AN):  SFIDUCIA AGLI ASSESSORI MANGONE E CURTI, “INACCETTABILE IMPORRE IN DEGRADO DEL SUK SEMPRE AI SOLITI QUARTIERI CONTRO PARERE DELLE CIRCOSCRIZIONI”

 

<< Altro che riforma del decentramento, la Giunta Fassino già calpesta i pareri delle Circoscrizioni presiedute da esponenti del medesimo partito su un tema fondamentale come il suk del “libero scambio” alle ex OGM! Ordini del giorno approvati dai Consigli della 7 e della 6, richieste di assemblee di quartiere, promesse di confronto sulla stesura del bando per il soggetto assegnatario della gestione del suk … Tutto respinto al mittente dalle imposizioni degli Assessori Mangone e Curti che hanno tirato dritto contro due interi quartieri decidendo tutto a colpi di delibere di Giunta! Ma noi non consentiamo che i territori vengano calpestati così>> attaccano Maurizio Marrone e Patrizia Alessi, Capogruppo di Fratelli d’Italia in Comune di Torino e Circoscrizione 7, che annunciano: << Oggi insieme alla mozione della Lega di ritiro delle delibere di Giunta sul suk sarà discussa e votata anche una nostra mozione di sfiducia agli assessori Curti e Mangone, per cui chiediamo il ritiro delle deleghe al Decoro urbano e al Commercio da parte del Sindaco Fassino: ogni singolo Consigliere dovrà assumersi la responsabilità di assecondare le loro politiche di disprezzo per i quartieri torinesi oppure porvi fine prima dell’insediamento del “libero scambio” alle ex OGM!Con la stessa mozione proponiamo anche un tavolo di concertazione tra Conferenza comunale dei Capigruppo e le Circoscrizioni torinesi per individuare sistemazioni alternative alle ex OGM per la collocazione del libero scambio, in modo da evitare che sia insediato in zone densamente abitate come Borgata Aurora>>.