Home » vetrina11 » Studiare negli Usa ora è più semplice
Agli incontri saranno le università stesse a spiegare ai ragazzi perché assegneranno loro delle borse di studio

Studiare negli Usa ora è più semplice

di ilTorinese pubblicato domenica 15 aprile 2018

Oggi è più facile per i giovani  italiani studiare all’università negli Stati Uniti, con le borse di studio erogate presso le università

Da più di trent’anni Mondo Insieme si occupa, tra i vari programmi, di formule di anno scolastico all’estero in quaranta Paesi nel mondo. Più del 50% degli studenti sceglie gli Stati Uniti come meta d’eccellenza, sia per il forte ruolo esercitato in Italia dai film americani, sia per il fascino da parte della high school nella scelta delle materie, oltre che per il grande risalto del talento sportivo, artistico e musicale, la possibilità di padroneggiare l’inglese e la valorizzazione dei risultati. Il Programma Campus USA nasce grazie al partner americano Go Campus, il cui direttore Francisco Mosca sarà presente agli incontri di presentazione in programma a Milano, Torino, Bologna ed Udine. Go Campus soddisfa le richieste degli ex Exchange Students di tutto il mondo che, al rientro, decidono di proseguire gli studi all’estero e di tutti coloro che hanno sempre desiderato frequentare l’università negli States. In modo particolare risponde all’esigenza di ottenere una borsa di studio per finanziare una parte consistente degli studi che, negli Stati Uniti, durano quattro anni per l’Undergraduate” ed uno e mezzo o due anni per il Master. Le borse di studio arrivano a coprire fino al 70% dei costi annuali di tuition, room and board (studi, vitto e alloggio – garantito in campus). La maggior parte di questi studenti spende all’anno tra i $13.000 e i $18.000. Queste borse di studio non si basano sul reddito, né esclusivamente sul profitto. Tutti possono ricevere una borsa di studio per un “fresh start” nel mondo universitario americano. Le borse di studio sono assegnate dalle università, per le quali la multiculturalità è una priorità, al fine di avere uno scambio di idee e di mentalità. Agli incontri saranno le università stesse a spiegare ai ragazzi perché assegneranno loro delle borse di studio.“Go Campus la scorsa settimana era in Cina, dopo l’Italia andrà in Danimarca – spiega il Responsabile del Reclutamento Internazionale di Go Campus – ed ha organizzato eventi simili in Francia. E’ la prima volta che questo evento viene organizzato in Italia e siamo felici di ospitare tre delle università maggiormente richieste dai nostri studenti negli ultimi anni.

***

 Il Menlo College è una Business School californiana situata nel cuore della Silicon Valley, tra San Francisco e San Jose, nella cittadina di Atherton, che si è aggiudicata il terzo posto nella classifica delle 75 città universitarie migliori degli Stati Uniti. É circondato da alcuni dei leader nel settore tecnologico, come Google, Yahoo!, eBay, Facebook, Cisco, Apple, Oracle, Marvell, Intel, HP e tanti altri. A Bologna, per esempio, avremo ospite il padre di una studentessa che frequenta il Menlo College e che è stata nominata da Stanford (che si trova a pochi passi dal Menlo College) “2018 University Innovation Fellow”.

 La Southern Utah University, che ho visitato personalmente il 26 marzo, offre 140 corsi di laurea, 19 master e più di 180 organizzazioni studentesche. Il suo fascino è esercitato anche dai parchi nazionali che la circondano: Bryce, Zion, Grand Canyon, Monument Valley, Arches. Ha 9000 studenti e gli internazionali (2%) provengono da 56 Paesi diversi.

 La Truman State University, infine, è stata insignita come migliore università pubblica del Midwest per ben 21 anni! É conosciuta come la Harvard del Midwest, per intenderci. Si trova nel Missouri, nella cittadina di Kirksville, il cui centro è raggiungibile a piedi. Offre 40 corsi di laurea e 63 minors, tra cui figura anche l’italiano. I nostri studenti vengono di solito assunti come tutor di italiano alla Truman State University.  Agli incontri aspettiamo almeno un centinaio di partecipanti in ogni città, sia liceali in procinto di diplomarsi sia studenti di quarta che giustamente si guardano intorno, sia universitari che si orientano sui master, per non parlare degli sportivi. Negli Stati Uniti lo sport gode di grande importanza e abbiamo delle borse di studio dedicate proprio ai talenti del tennis, calcio, basket, nuoto, atletica, pallavolo, golf e football americano.  

L’obiettivo dell’iniziativa è permettere agli studenti di avere un confronto diretto con le università americane. Spesso infatti, quando ci sentono parlare del loro sistema educativo, dell’eccezionale organizzazione dei campus, delle strutture a disposizione, pensano che sia  ”fin troppo bello per essere vero”. Il sistema universitario americano è molto diverso da quello italiano e coinvolge gli studenti a 360°. Raccomandiamo sempre agli studenti di partecipare attivamente alla vita del campus, sia da un punto di vista lavorativo sia di attività, organizzazioni.

Mara Martellotta