Home » LIFESTYLE » La storia di Luisa, che si finse sposata per il bene della figlia
DALLE CRONACHE DEI GIORNALI TORINESI

La storia di Luisa, che si finse sposata per il bene della figlia

di ilTorinese pubblicato lunedì 29 giugno 2015

gazzetta

COSA SUCCESSE IN CITTA’/

ACCADDE A GIUGNO

Secondo una ricerca condotta presso l’ University College di Londra dalla neuroscienziata Eleanor Maguire, il passato è strettamente connesso al futuro, tanto che chi soffre di amnesia e quindi dimentica il passato, non riesce più nemmeno ad immaginare e a prospettarsi un futuro. Ebbene, forse per attenerci un po’ alle recenti scoperte, o forse perché in fondo il mondo e nello specifico la città in cui viviamo è fatta di storia e di aneddoti passati,  dedichiamo una rubrica a Torino e agli avvenimenti più curiosi e che più l’hanno segnata nel corso degli anni, se non addirittura dei secoli precedenti.

 

Il 16 giugno 1956 una giovane donna di 25 anni, Luisa F., venne condannata a due anni e tre mesi di reclusione per aver alterato il suo stato civile da nubile a sposata, il giorno in cui nacque sua figlia. In un ospedale di Torino la neo mamma dichiarò, all’incaricato dello Stato civile che aveva il compito di compilare l’atto di nascita, che ella fosse sposata con il padre della sua bambina e che tale uomo (di cui inventò anche nome e cognome) fosse in quel momento residente in Inghilterra per motivi di lavoro. La giovane donna pensava che quella menzogna non sarebbe mai stata scoperta ma non tenne presente che entrando in ospedale aveva consegnato la sua carta d’identità; l’amministrazione riscontrò immediatamente il disaccordo tra le dichiarazioni della ragazza e i dati presenti sul suo documento. Luisa F. venne allora denunciata alla Procura della Repubblica con l’accusa di aver alterato il suo stato civile, reato che implicava la pena dai 5 ai 15 anni. Avendo riconosciuto alla giovane mamma l’attenuante dell’aver agito per motivi di particolare valore morale (Luisa aveva dichiarato di aver mentito perché non voleva che sua figlia fosse riconosciuta come figlia di N.N.), la pena venne ridotta a meno di tre anni di reclusione.

La Gazzetta del Popolo ]

 

Era la mattina del 17 giugno del 1961 quando una violenta esplosione destò l’allarme in tutta la zona nei pressi di borgo San Paolo, dove un alloggio al numero 83 di via Caraglio, venne completamente distrutto dallo scoppio di una bombola a gas. L’esplosione si verificò nell’abitazione della settantaduenne Celsa Falco. Probabilmente la sera prima l’anziana signora si era dimenticata di chiudere la bombola di gas liquido che le serviva per il fornello della cucina. Nel corso della notte le esalazioni del gas saturarono l’ambiente e quando la signora Falco (come era solita fare ogni mattina) mise sul fornello la caffettiera e accese un fiammifero, la stanza della cucina esplose letteralmente. Il muro divisorio che separava l’alloggio da quello delle vicine, Giuseppina Cerrato di 82 anni e la figlia Anna di 56, crollò completamente seppellendo le due signore; i mobili di entrambi gli appartamenti vennero sventrati mentre i vestiti della Falco presero fuoco. Fortunatamente i vicini di casa ed i vigili del fuoco, accorsi a causa del forte boato che mandò in frantumi decine di vetri delle abitazioni circostanti, accorsero tempestivamente riuscendo a mettere in salvo le tre donne. Sia le Cerrato che la signora Falco vennero trasportate all’ospedale Maria Vittoria dove vi rimasero per diversi giorni. All’uscita dall’ospedale dovettero cercare tutte un nuovo alloggio poiché i loro appartamenti furono completamente distrutti e dichiarati inagibili.

La Gazzetta del Popolo ]

 

Era la sera del 21 giugno 1969 quando la guardia notturna Salvatore Guerreri, 38 anni, residente a Moncalieri in via Carducci, sparò due colpi di rivoltella contro Maurizio Sensini, un ragazzo di 14 anni che si trovava nel piazzale del Monte dei Cappuccini. Pare che Maurizio dopo aver girovagatoin bici per la collina insieme con un amico, si addentrò in un giardino recintato nei pressi del piazzale del Monte dei Cappuccini, per fare “alcuni bisogni”. All’uscita del recinto la guardia notturna Salvatore Guerreri gli si avvicinò intimidendogli di pagare una multa di 35 mila lire; i due ragazzi presi dal panico cominciarono a scappare e fu a quel punto che l’uomo estrasse la rivoltella e sparò due colpi contro il quattordicenne che cadde in terra ferito al braccio; la guardia non gli prestò neppure soccorso. Maurizio venne immediatamente trasportato all’ospedale Gradenigo dove subì un intervento chirurgico, mentre Salvatore Guerreri venne arrestato con l’accusa di tentato omicidio e tentata estorsione, nonostante egli continuasse a difendersi sostenendo di avergli scambiati per dei ladri.

[ La Gazzetta del Popolo ]

 

Il 2 giugno 1974 Gaspare Lentini, un contrabbandiere di 53 anni su la cui testa pesavano 17 condanne, fu la vittima di una sparatoria inspiegabile avvenuta durante le nozze di sua figlia. La sparatoria avvenne di fronte casa del Lentini, in Corso Verona, proprio mentre l’uomo stava accompagnando la figlia Rossana alla cerimonia nella Chiesa di Maria Ausiliatrice. Pare che appena lui e la ragazza uscirono di casa, il brigadiere Colabianchi si avvicinò al contrabbandiere intimidendogli di seguirlo; a quel punto il signor Lentini, in disaccordo con l’ordine impostogli, si ribellò e diede una testata in pieno volto al brigadiere. Ne nacque una colluttazione che purtroppo si trasformò subito in una sparatoria: qualcuno tra gli invitati presenti sotto casa, estrasse una pistola e sparò un colpo che colpì Colabianchi al braccio. A quel punto gli altri carabinieri presenti risposero al fuoco sparando anche sulla folla. Il signor Lentini venne trivellato da sei proiettili mentre due donne ed un ragazzo presenti tra gli invitati rimasero feriti. L’ uomo venne trasportato d’urgenza all’Istituto Maria Adelaide ma giunse già morto al Pronto Soccorso. Rossana Lentini, convinta che il padre fosse solo ferito, portò a termine la cerimonia sposando il suo fidanzato; venne informata della morte del padre solo verso sera.

La Stampa ]

 

L’ 8 giugno 1979 un nuovo agguato dei terroristi sconvolse Torino, gettando ancora una volta la città nel vortice della violenza. Giovanni Farina, il quarantanovenne sorvegliante della <<Fiat Presse>>, venne aggredito da tre brigatisti nell’ingresso della sua abitazione in via Malta 16. Era l’alba quando i tre brigatisti rossi, armati di pistola, entrarono in casa di Giovanni proprio mentre l’uomo si stava recando a lavoro. L’aggressione durò pochi minuti: i tre uomini fecero irruzione nell’appartamento e spararono un paio di colpi di pistola colpendo volutamente il sorvegliante alle gambe. Giovanni Farina venne ricoverato d’urgenza alle Molinette dove fu sottoposto ad un lungo intervento chirurgico; una volta rimossi i proiettili, i medici lo dichiararono guaribile in una quarantina di giorni. L’aggressione avvenne sotto gli occhi terrorizzati della moglie Giulia e della figlia tredicenne Elisabetta. Giovanni Farina fu il quindicesimo dipendente della Fiat a subire un’attentato a Torino.

[ La Stampa ]

 

Il 1 giugno 1982 Muhammad Alì, ex Cassius Clay, venne accolto a Torino. Il pugile “delle leggende” e testimone di fede musulmana, venne invitato a Torino dal sindaco Novelli, a seguito di un brutto episodio di intolleranza razziale. u consacrato torinese ad honorem e gli venne consegnata, in Municipio, una targa con sopra incisa la chiave della città. Fu un simpatico e memorabile incontro dove vi prese parte anche Alfredo Lomberti (87 anni), uno degli arbitri che decretò la vittoria del campione alle Olimpiadi del 60′.

[ La Stampa ]

 

 Simona Pili Stella